Inutile dialogare con l’islam

0

Intervista a Edward Luttwak di Andrea Cuomo da “Il Giornale” del 14 settembre 

Professor Edward Luttwak, l’attentato di Bengasi ria­pre il conflitto tra l’islam e gli Stati Uniti?

«Il conflitto non è tra il mondo islamico e gli Stati Uniti, ma tra il mondo islami­co e l’intero mondo non islamico. A Mindanao attaccano i filippini cristiani, il Paki­stan è in conflit­to con l’India, ovunque c’è l’islam in contatto con il non-islam, l’incitamento alla violenza da par­te dei predicatori ha il suo effetto. Per fortuna in pochi ricorrono al­la violenza, ma tutti gli altri stan­no a guardare, compresi eserciti e forze dell’ordine».

È molto carico l’economista sta­tunitense di origine romena, 69 anni, conosciuto per le sue pub­blicazioni sulla strategia militare e la geopolitica, che segue con grande attenzione le vicende ita­liane e parla benissimo la nostra lingua. Pessimista e provocatorio lo è sempre stato; che sia contra­rio al buonismo del dialogo con i sordi e alle missioni di pace in genere non è certo una novità. Eppu­re stavolta c’è qualcosa di più: a migliaia di chilometri di distanza da noi, la sua rabbia serena, se si può dire così, stavolta si percepisce anche attraverso il filo del tele­fono.
Forte e chiara. Per lui ogni sforzo di venire a patti con l’islami­smo è sciocco e va­no.
E inutilmente cercheremo rag­gi di luce nel cor­so dell’intervista.
Un quadro cupo, il suo…

«Ma non è mica un quadro cu­po, è la realtà».

Dove potrà arrivare la reazio­ne degli Stati Uniti?

«Guardi,c’è un macrotrend evi­dente, che è quello di lasciare gli islamici cuocere nel loro brodo. Gli Stati Uniti sono riluttanti a in­tervenire in Libia, in Siria, perché è chiara ormai l’inutilità di certe azioni. Basti pensare all’Irak, al­l’Afghanistan. Grandi spese, nes­sun risultato. Una perdita di soldi e di tempo. Me lo lasci dire, in alcu­ni casi si tratta di barbari che go­vernano selvaggi. È tutto inutile. L’ambasciatore Chris Stevens rappresentava quell’entusiasmo per la questione mediorientale che ora, con la sua uccisione, sarà sempre meno convincente e avrà sempre meno riscontro nella real­tà ».

Questo è il macrotrend, come lo chiama lei. Ma nell’imme­diato qualcosa l’Occidente può fare?

«Certo: possiamo liberarci del linguaggio falsificante. Ad esem­pio non c’è una nuova democra­zia in Libia, perché se non c’è ri­spetto della persona non può es­serci democrazia. E non credo che le cose potranno cambiare per un secolo o due. Per ora islam e democrazia sono due parole in­compatibili ».

Ma ci sono esempi di islam de­mocratico, pensi alla Turchia...

«Certo, ma lì c’è democrazia nella misura in cui ci sono regimi anti-islamici. Ma appena sale al potere un partito islamico, e con Erdogan ci siamo quasi, bye-bye alla democrazia turca».

L’attentato all’ambasciata Usa a Bengasi ha colpito l’Occidente senza varcare i confini li­bici. Possiamo attenderci di es­sere colpiti prossimamente anche all’interno dei nostri confini? Ci potrebbe essere un altro 11 settembre?

«Solo nei limiti delle possibilità degli islamisti, che per fortuna so­lo limitate. Del resto l’11 settem­bre è stato “fabbricato” in Occidente, basti pensare a Mohammed ’Atta, uno degli attentatori, un ingegnere egiziano che lavora­va in Germania. Quando invece gli attentati sono progettati in que­sti Paesi non arrivano a questo li­vello di organizzazione. Gli isla­mici sono incapaci anche nella violenza».

Neanche l’Italia corre rischi a suo giudizio?

«L’Italia e tutta l’Europa non hanno nulla da temere, soprattut­to se agiranno con moderazione ».

Ecco, qual è il ruolo in tutto questo dei Paesi che affaccia­no sul Mediterraneo e in parti­colare dell’Italia?

«Nessun ruolo. I Paesi del Medi­terraneo hanno solo la sfortuna di essere più vicini geografica­mente all’islam, dovranno turar­si il naso per non sentire la puzza di integralismo, di ideologia, di selvaggeria. Mentre noi negli Stati Uniti abbiamo il lusso di essere lontani da tutto ciò».

Beh, c’è sempre la diploma­zia. Possibile non possa fare nulla?

«Certo, bisogna essere diplo­matici, ma non cretini. Quando trattiamo con i Paesi islamici è giu­sto essere cauti e moderati. Ma quando parliamo tra di noi occi­entali è meglio non prenderci in giro, almeno nell’uso delle parole ».

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password