Bernardis: la politica impose il silenzio sui raids in Libia

BERNARDISdefinitiva_w200

I bombardamenti dei jet italiani sulla Libia sono stati tenuti nascosti per motivi politici. Lo ha dichiarato il capo di stato maggiore dell’Aeronautica Militare, il generale Giuseppe Bernardis, che attribuisce questo deficit di comunicazione alla ”situazione critica di politica interna” in cui viveva allora il Paese. Bernardis ha presentato il libro edito dalla Rivista Aeronautica – ”Missione Libia 2011. Il contributo dell’Aeronautica Militare” – in cui finalmente si racconta tutto di quella missione. E il generale non ha peli sulla lingua. Negli oltre sette mesi di guerra in Libia, dal 19 marzo al 31 ottobre 2011, ”è stata fatta un’attività intensissima – racconta – che è stata tenuta per lo più nascosta al padrone vero dell’Aeronautica Militare, che sono gli italiani, per questioni politiche, per esigenze particolari. C’erano dei motivi di opportunità, ci veniva detto, e noi chiaramente non abbiamo voluto rompere questo tabù che ci era stato imposto. Questo è il motivo per cui questo volume esce solo adesso, un anno dopo”. Oggi dunque apprendiamo che velivoli italiani hanno condotto in sette mesi circa 1.900 sortite, per un totale di più di 7.300 ore di volo. Le missioni di bombardamento vero e proprio – autorizzate dal governo Berlusconi il 26 aprile, la prima venne effettuata il 28 nell’area di Misurata – sono state 456, solo considerando quelle di ”attacco al suolo contro obiettivi predeterminati” (310) e quelle di ”neutralizzazione delle difese aeree nemiche” (146), senza contare gli ”attacchi a obiettivi di opportunità”, il cui numero è stato minore. Il capo di stato maggiore ha sottolineato ”con orgoglio” il contributo ”di primordine” fornito dall’Aeronautica, che nelle missioni Odyssey Dawn e Unified Protector ha schierato nella base di Trapani cacciabombardieri F16, Eurofighter, Tornado e Amx, oltre ad altri velivoli, impiegandone fino a 12 nella stessa giornata. Un apporto fondamentale per la buona riuscita delle operazioni a guida Nato e che e’ stato fornito ”senza incorrere in alcun incidente e senza causare danni collaterali”. ”L’unico rammarico che ho avuto – scrive Bernardis nella prefazione del libro – è quello di non aver potuto, operazione durante, fornire all’opinione pubblica un resoconto puntuale del nostro operato, per evitare ogni possibile strumentalizzazione. Questo volume colma in parte quel vuoto”. Parlando a braccio, il generale è però meno diplomatico e attribuisce questa carenza di informazione ad una precisa volontà politica di ”non dire quello che si faceva”. ”A volte per questioni di politica interna – ha detto Bernardis – si impedisce al Paese di svolgere al meglio il suo ruolo di politica estera e questo non è possibile: non si voleva che si parlasse di questa missione perché c’era una situazione critica di politica interna”. Il capo di stato maggiore ha anche accennato al caso del navigatore di Tornado Nicola Scolari, il maggiore che aveva compiuto la prima missione in Libia e che ai giornalisti aveva candidamente spiegato che il caccia aveva pattugliato, senza che fosse stato necessario usare i missili contro i radar nemici. Ignazio La Russa, ministro della Difesa dell’epoca, aveva giudicato quelle dichiarazioni inopportune con conseguente immediato ritorno dell’ufficiale al suo Stormo, a Piacenza. ”Venne mandato via perché‚ aveva fatto solo il suo lavoro”, ha detto Bernardis. Scolari non ha avuto alcuna conseguenza negativa per quelle sue affermazioni e la sua carriera è proseguita spedita. Durante il conflitto Analisi Difesa raccontò attraverso indiscrezioni e fonti anonime parte delle operazioni condotte dai jet di Aeronautica e Marina denunciando in più occasioni la censura asfissiante posta dal governo e dal ministro Ignazio La Russa sulla “nostra” guerra libica.

Fonte Ansa

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password