Cambio ai vertici di CIA e Pentagono

07IN_JOHN_BRENNAN_1323804f

Barack Obama ha nominato John Brennan (nella foto) alla direzione della CIA al posto del generale David Petraeus travolto dal noto scandalo a sfondo sessuale. Stratega di punta sull’uso dei velivoli teleguidati droni, Brennan ha servito in passato amministrazioni repubblicane e democratiche ed è considerato uno degli uomini di cui Obama si fida di più. Cinquantasette anni,  nato e cresciuto a North Bergen, New Jersey, Brennan è figlio di emigranti irlandesi ed è entrato alla CIA giovanissimo, dopo gli studi di Scienze Politiche alla Fordham University, a Dallas, in Texas. Pare che un giorno, poco prima di laurearsi, leggendo il New York Times a bordo di un autobus venne attirato da una pubblicità rivolta a giovani che volevano entrare nella storica agenzia di spionaggio Usa. Da lì è cominciata una brillante carriera, lunga circa 25 anni, che lo ha portato a ricoprire incarichi importanti, come quello a Riyad, in Arabia Saudita. Brennan, che parla correntemente l’arabo, s’è via via specializzato nella lotta al terrorismo di matrice islamica. Nel 1996 si fece strada anche alla Casa Bianca, diventando il ‘daily briefer’ di Bill Clinton, il funzionario che informa quotidianamente il presidente sugli ultimi sviluppi nelle aree di crisi. Dal 2004 al 2005 ha lavorato anche a fianco di George W. Bush, alla guida del National Counterterrorism Center. Nel 2008 l’incontro con Barack Obama che lo avrebbe voluto già allora direttore della Cia. Ma Brennan preferì ritirare la sua candidatura, tenuto conto di alcune sue vecchie dichiarazioni favorevoli alle controverse tecniche speciali di interrogatorio usate dagli agenti Cia contro sospetti terroristi. Posizioni poi nettamente rettificate. Per questa ragione Obama lo scelse comunque come zar dell’antiterrorismo del suo staff, una posizione che non richiede il via libera del Senato. Il 2 maggio 2011 fu uno dei protagonisti alla guida operativa del raid con cui i Seal Teams entrarono nel compound di Osama Bin Laden. ”Quello fu uno dei momenti più delicati e pieni d’ansia della mia vita e di quella delle persone con cui ho lavorato per anni. Per tutti noi, ogni minuto durò come un giorno”, commentò Brennan parlando di quella storica giornata. Nell’aprile del 2012, Brennan fu il primo esponente dell’amministrazione Obama a rendere pubblico il programma di attacchi con droni comandati dalla Cia su Pakistan, Yemen, Somalia, Libia e Afghanistan. Nel suo discorso sostenne la legalità, la moralità e l’efficacia del ricorso a queste armi micidiali

L’ex senatore repubblicano del Nebraska Chuck Hagel è stato invece nominato segretario alla Difesa al posto di Leon Panetta. Veterano della Guerra del Vietnam, Hagel è nato a North Platte, nella contea di Lincoln in Nebraska, il 4 ottobre del 1946 e vive a McLean, in Virginia. Tra le varie onorificenze, il successore di Leon Panetta vanta due Purple Heart, le decorazioni delle forze armate Usa, assegnate in nome del presidente a chi è caduto o è rimasto ferito in guerra. Nel decennio tra il 1970 ed il 1980, il futuro segretario alla Difesa fu assistente politico e lobbista, e venne poi assunto, all’inizio degli anni ’80, dal Dipartimento degli Affari dei Veterani. Co-fondatore, nel 1984, di una compagnia di telefonia cellulare, Hagel decise di candidarsi al Senato, con il Partito repubblicano, 17 anni fa, sconfiggendo il suo avversario Ben Nelson, sceso in campo con i democratici. A causa delle sue posizioni ritenute controverse nei confronti di Israele e del suo sostegno al dialogo con l’Iran, si è spesso attirato le critiche dell’ala destra del suo partito. Più di una volta, Hagel si è schierato contro l’amministrazione di George W. Bush sul conflitto in Iraq, al quale inizialmente, invece, era favorevole. Dopo due mandati, 5 anni fa, l’ex senatore decise di entrare come professore alla Georgetown University rinunciando a candidarsi per un terzo mandato. Il segretario alla Difesa uscente, Leon Panetta, aveva già annunciato l’intenzione di lasciare l’incarico all’inizio del secondo mandato presidenziale di Obama, che verrà ufficialmente inaugurato il 20 gennaio.

Con fonte Ansa

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password