Operativa a Firenze la Divisione Friuli

Caserma-Predieri

Ieri ha assunto a Firenze la piena operatività la Divisione ”Friuli”, che ha acquisito i compiti e le capacità che fino a ieri sono state del disciolto 1° Comando Forze di Difesa con sede a Vittorio Veneto. La ”Friuli”, comandata dal generale di divisione Flaviano Godio, si è ricostituita lo scorso 15 luglio nella caserma ‘Predieri’ di Firenze per effetto della legge delega 244/12 che ha avviato il processo di revisione e razionalizzazione dello strumento militare. La Divisione ha alle sue dipendenze la Brigata di Cavalleria ”Pozzuolo del Friuli”, la Brigata Corazzata ”Ariete” e la Brigata Aeromobile ”Friuli”, per un totale di circa 12.000 soldati inquadrati in 24 reggimenti con funzioni operative, di supporto al combattimento e di supporto logistico dislocati in Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana e Lombardia. La brigata paracdutisti “Folgore”, che era alle dipendenze del 1° Comando Forze di Difesa, è passata sotto il controllo diretto del Comando Forze Terrestri (Comfoter) ma dal 2014 la Brigata “Sassari” passerà dalle dipendenze del 2° Fod a quella  della Divisione “Friuli”. L’omonima brigata aeromobile con comando a Bologna dovrebbe assumere il nome di “Pozzuolo del Friuli” entro la fine dell’anno quando verrà disciolta la brigata cavalleria che porta questo nome dopo il suo rientro dalla missione in Libano.

Oggi unità della Divisione sono schierate in Libano nell’operazione ”Leonte 14” con oltre 600 uomini e donne della Brigata di Cavalleria ”Pozzuolo del Friuli” e in Afghanistan, con un contingente della Brigata Corazzata ”Ariete”. Sul territorio nazionale sono oltre 1.500 i soldati dei reparti operativi della Divisione ”Friuli” impegnati nell’operazione ”Strade sicure”, in concorso alle forze di polizia, con compiti di vigilanza e pattugliamento delle principali città del nord Italia, tra le quali Milano, Venezia, Padova e Bologna. Inoltre, i tre reggimenti genio della Divisione ”Friuli” sono quotidianamente impegnati a favore della collettività con gli interventi di bonifica del territorio da ordigni bellici e residuati risalenti ai due conflitti mondiali. Dall’inizio dell’anno sono stati 880 gli interventi operati dai nuclei specializzati di artificieri. Per la ”Friuli”, gloriosa unità dell’Esercito nata nel 1884, impegnata nei due conflitti mondiali e poi come Gruppo di Combattimento nella guerra di Liberazione, si tratta di un ritorno sul territorio toscano con il quale da quasi un secolo intreccia la sua storia. La Divisione infatti è stata dislocata sia a Livorno sia a Firenze ed è stata impegnata in numerosi interventi di soccorso alla popolazione toscana in concomitanza di gravi calamità naturali tra cui l’alluvione di Firenze del 1966.

Con fonte Adnkronos
Foto: la caserma Predieri a Firenze Rovezzano  (foto Riccardo Sanesi)

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password