Dal Golfo un quinto dei ricavi di Finmeccanica

alessandro-pansa-Imagoeconomica_632090-258

Presente da 40 anni nella regione, Finmeccanica ha inaugurato in occasione del Dubai Air Show la nuova sede nella capitale emiratina Abu Dhabi, segno di una cresciuta e crescente incisività sul mercato della penisola arabica, con esplicito potenziale di espansione sia nell’ambito dell’aviazione civile che in quello della difesa. ”L’area del Golfo Arabico, in termini di ricavi, vale tra il 20 ed il 25% del nostro business”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Finmeccanica Alessandro Pansa, ricordando la consistenza dell’offerta prodotta dalle società di Finmeccanica. ”Il nostro é un peso che ha a che fare con la gamma più alta dell’offerta tecnologica, qui volano oltre 150 elicotteri della Agusta Westland, si stanno trattando gli Eurofighter Typhoon, la marina militare emiratina usa i nostri sistemi integrati”, ha spiegato Pansa sottolineando che il punto forza ”non è tanto la dimensione, quanto l’articolazione dell’offerta”.  A Dubai Pansa è poi intervenuto nel dibattito sulla Difesa europea in vista del Consiglio UE del 20 e 21 dicembre che sarà incentrato su questo tema. Per l’ad di Finmeccanica l’Unione europea deve consentire agli Stati di investire di più nelle tecnologie militari, perché sono gli investimenti che generano il maggior ritorno per il reddito nazionale.

Secondo uno studio di Prometeia per Finmeccanica, non ufficializzato e citato da Il Sole 24 Ore, ogni euro investito in tecnologia militare darebbe in media un ritorno economico di quasi il doppio, circa 1,8 euro. “Parlo di investimenti in tecnologia militare, non di spesa militare. Le applicazioni sono anche civili. In molti casi la differenza tra tecnologia militare e civile è evaporata” ga aggiunto Pansa sottolineando tra i progetti europei da privilegiare quelli relativi ai  velivoli senza pilota. L’Ue dovrebbe “dovrebbe far sì che alcuni investimenti nella difesa possano essere fatti in comune da più Paesi. Non si può pensare di mettere insieme le forze armate europee se non dispongono di mezzi, aerei, elicotteri, ecc., basati sulle stesse tecnologie”.

Fonti: Ansa e Il Sole 24 Ore

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password