Penny Lane: dove la Cia reclutava qaedisti

Guantanamo-2

di Stefano de Paolis ANSA– Nel supercarcere della base militare Usa di Guantanamo, a Cuba, la Cia ha reclutato per anni ex terroristi da rispedire liberi a casa loro, ma ad una condizione e con un incarico chiaro: quello di fare il doppio gioco, di infiltrarsi nelle file di al Qaida e fornire agli 007 Usa preziose informazioni. In diversi casi ha funzionato, ma in altri no, poiché gli ‘elementi’ selezionati hanno incassato il più possibile e si sono poi resi ‘uccel di bosco’. Tutto è cominciato qualche tempo dopo gli attacchi dell’11 settembre 2011, quando a Guantanamo iniziò un afflusso costante di presunti terroristi arrestati in diversi Paesi: nel 2012, ne arrivarono 632, e altri 117 l’anno dopo. Una miniera per la Cia, sempre alla ricerca di doppiogiochisti, e così, secondo quanto hanno rivelato alla Associated Press una decina di funzionari e ex funzionari Usa, all’inizio del 2013 è stato dato l’avvio al progetto. In un angolo segreto della base é stato ricavato un apposito spazio, soprannominato ‘Penny Lane’, dove sono stati realizzati otto piccoli appositi edifici. Per i detenuti pre-selezionati, andare a Penny Lane era già un bel salto di qualità: dalle celle microscopiche, ai confortevoli bungalow, dotati di ogni confort, a cominciare da un vero letto con materasso, al posto delle brande militari, oltre alla doccia e a una cucina personale, la tv e un patio. E dotati anche di qualche optional a richiesta, come una libreria di film e riviste porno.

Non è chiaro quanto detenuti siano passati per quei bungalow. Le fonti della AP parlano di decine, ma alla fine non sono stati molti quelli che, in cambio della libertà, di denaro e protezione alle loro famiglie hanno accettato di trasformarsi in infiltrati al servizio della Cia. O che siano stati giudicati affidabili. Alcuni di loro hanno poi passato informazioni che hanno fortemente contribuito a localizzare e uccidere esponenti di al-Qaeda. Altri si sono invece dileguati non appena ne hanno avuto la possibilità. Non è neanche chiaro quanto denaro abbiano incassato, ma le fonti affermano che complessivamente il programma è costato milioni di dollari. Di certo si trattava di un programma su cui la Casa Bianca riponeva grande attenzione, considerato che il presidente George W. Bush arrivò a parlarne personalmente con un agente della Cia appena ritornato dall’Afghanistan, per avere informazioni di prima mano. E anche il presidente Obama, hanno detto le fonti all’AP, se ne interessò, nel 2009, per vedere se se ne potevano ottenere indicazioni da utilizzare per gli attacchi con i droni.

Certo, per la Cia é stata sin dall’inizio una scommessa rischiosa, poiché gli agenti potevano anche fare il “triplo gioco”, ossia passare informazioni volutamente sbagliate, o potevano uscire alla scoperto, denunciando l’accordo e mettendo così in imbarazzo le autorità americane. Ma evidentemente era un rischio che valeva la pena correre. Il programma di reclutamento si é poi esaurito nel 2006, quando l’arrivo di nuovi detenuti a Guantanamo ha iniziato a scemare. Ora ce ne sono ancora un centinaio confinati li da anni, e l’avvocato di alcuni di loro contro cui non è mai stata formalizzata o provata alcuna accusa, ha amaramente notato che dei terroristi veri sono stati rimessi in libertà, mentre degli innocenti sono ancora dietro le sbarre.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password