Riad dona a Beirut tre miliardi di armi francesi

untitled2

L’Arabia Saudita pagherà tre miliardi di dollari perché il Libano possa acquistare dalla Francia armamenti destinati all’esercito governativo. Lo ha annunciato ieri il presidente libanese Michel Suleiman in un discorso televisivo alla nazione. Suleiman ha affermato di aver avuto colloqui col re saudita Abdallah, che ha assicurato un “sostegno straordinario” al Libano e al suo esercito. Suleiman, ex capo dell’esercito, ha affermato che il sostegno saudita “senza precedenti nella storia del Libano” contribuirà a rafforzare la capacità del Paese di lottare “contro il terrorismo e aiutare l’Unifil”, la missione Onu schierata nel sud del Libano a ridosso di Israele. In un implicito riferimento a Hezbollah, la milizia sciita libanese filo-iraniana, Suleiman ha anche detto che l’aiuto saudita contribuirà a lottare “contro la proliferazione di armi”. Sul ruolo della Francia nel fornire armi al Libano pagate dall’Arabia Saudita, Suleiman si è augurato che le autorità di Parigi “sostengano l’iniziativa”. Oggi a Riad il presidente francese Francois Hollande e re Abdallah hanno avuto colloqui proprio sulle varie crisi mediorentali e la trattatuva sulle forniture militari al Libano si inserisce in un più complesso quadro di commesse saudite in campo navale e missilistico che porteranno miliardi nelle casse delle aziende francesi della Difesa. L’iniziativa di Riad a favore di Beirut confermna la volontà saudita di contrastare la penetrazione sciita e gli alleati dell’Iran.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password