RQ 180: il nuovo drone stealth nei cieli dell'Area 51

RQ-180

E’ il Northrop Grumman RQ-180 lo spy-drone visto sui cieli del Nevada, e più esattamente sulla zona militare denominata Area 51: a dirlo è la rivista specializzata Aviation Week and Space Technology che ha ricostruito le tappe che hanno segnato lo sviluppo dei sistemi americani a pilotaggio remoto progettati per eseguire missioni ISR (intelligence, survelliance and reconnaissance mission), dalla famiglia degli X-45, realizzata tra il 2001 e il 2004, all’SR-72, l’UAV ipersonico proposto dalla Lockheed Martin come velivolo strategico destinato a prendere il posto del Blackbird SR-71.  Erede dell’RQ-170 Sentinel, drone conosciuto come “Best of Kandahar” che gli americani utilizzano in Afghanistan e in Pakistan dal 2007 e che nel 2011 “sembra” abbia volato anche sui cieli dell’Iran occidentale (Teheran reclama la cattura di un esemplare), l’RQ-180 sarebbe dotato di una migliore tecnologia stealth e di un’aerodinamica più efficiente, caratteristiche che gli permetterebbero di eseguire missioni ISR anche in aree dove la presenza dei ricognitori strategici USA manca dai tempi dell’SR-71 e dove le telecamere americane non sarebbero particolarmente gradite. Le specifiche tecniche non sono ancora state rese note, ma in base alle immagini satellitari che riproducono le installazioni di Palmdale, sede californiana della Northrop Grumman, e degli hangar dell’Area 51 che ospitano l’RQ-180, Aviation Week suppone che il drone ha un’apertura alare di 39m (130ft), superiore quindi a quella del Boeing 737 (35,8m). Appoggiato dal Dipartimento della Difesa, il nuovo velivolo della Northrop Grumman sarebbe già in possesso della clearece per operare in Afghanistan e in Iraq a fianco dei Global Hawk RQ-4 e dei General Atomics Predator RQ-1 e Reaper RQ-9 che l’USAF utilizza attualmente.

Fonte: IT log defence

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password