Dopo 12 anni in Afghanistan lasciamo povertà e talebani

111218-F-MJ260-913

di Patrick Cockburn, da The Independent  del 15 gennaio 2014

Trecentonovanta miliardi di dollari spesi, innumerevoli morti e talebani in ripresa. Di fronte a questi disastri molti leader politici occidentali ignorano semplicemente la realtà dell’Afghanistan e si rifugiano in una realtà che non è lontana dalla deliberata menzogna. Qualche anno fa a Kabul, stavo ascoltando un portavoce di un’organizzazione governativa afgana che mi stava dando un lungo, ottimista e non molto convincente resoconto dei risultati dell’istituzione per la quale lavorava. Per alleviare la noia, e senza molta speranza di ottenere una risposta interessante, gli chiesi – con la garanzia di riservatezza – quali vantaggi il governo afghano aveva portato al suo popolo. Senza esitazione il portavoce ha risposto che questi benefici sono probabilmente molto limitati “fino a quando il nostro paese è gestito da gangster e signori della guerra”. Fu in quel momento che decisi che il problema principale in Afghanistan non è stata la forza dei talebani, ma la debolezza del governo. Non importa quante truppe della Nato sono nel paese perché sono a sostegno di un governo detestato da gran parte della popolazione. Ovunque andai nella capitale c’erano queste opinioni, anche tra persone benestanti che potrebbero essere i naturali sostenitori dello status quo.

Intervistai un agente immobiliare che non avrebbe dovuto avere molto di cui lamentarsi in quanto, dalla caduta dei talebani nel 2001, Kabul è stata la città in più rapida crescita al mondo. Indicò alcuni operai fuori finestra del suo ufficio dicendo che guadagnavano tra 5 e 6 dollari al giorno in una città dove affittare una casa decente per le loro famiglie costava 1.000 dollari al mese. Disse “E ‘impossibile che questa situazione continui senza una rivoluzione.” Il 2014 a lungo annunciato come un anno decisivo per l’Afghanistan perché la maggior parte delle truppe straniere, 38.000 satunitensi e 5.200 britannici, lascerà il paese prima della fine dell’anno. Le previsioni di una data precisa per questa svolta storica di solito risultano sbagliate, ma in questo caso la saggezza popolare non dovrebbe sbagliare. Ci sono già segni di un drastico cambiamento politico, come l’annuncio del governo afgano della settimana scorsa con l’intenzione di rilasciare 72 prigionieri talebani dell’ala più dura, provocando le proteste furiose da Washington. Probabilmente il motivo del presidente Hamid Karzai è quello di accontentare leader locali, che vogliono i loro parenti liberi, per avere il loro sostegno nelle elezioni presidenziali nel mese di aprile, anche se Karzai dopo due mandati non può partecipare, ma vuole determinare il suo successore.

Un altro fattore fondamentale che riguarda il ritiro delle truppe statunitensi e britanniche è il poco interesse che suscita nei paesi d’origine, anche se 2.806 americani e 447 soldati britannici sono stati uccisi dal 2001. Il costo totale per gli Stati Uniti della guerra, la ricostruzione e gli aiuti nello stesso periodo è di $ 641.7bn (£ 390bn) secondo il Centro per studi strategici e internazionali di Washington. Naturalmente, il denaro speso per l’Afghanistan non significa soldi spesi in Afghanistan, ma anche tenendo conto di ciò è incredibile che, nonostante le somme gigantesche spese, i dati del governo afghano rivelano che il 60 per cento dei bambini è malnutrito e solo il 27 per cento degli afgani può avere accesso ad acqua potabile sicura. Molti sopravvivono solo attraverso le rimesse dei parenti che lavorano all’estero o attraverso il business della droga, che vale circa il 15 per cento del prodotto nazionale lordo afghano. I dati sopra riportati provengono da uno studio critico sul risultato di 12 anni di intervento internazionale in Afghanistan di Thomas Ruttig dell’Afghanistan Analysts Network di Kabul.  La sua autorevole e sintetica analisi, tiene conto del luogo in cui sorge l’Afghanistan sottolinea il fatto che l’intervento militare statunitense e britannico si è concluso con un fallimento quasi totale.

I talebani non sono stati schiacciati, operano in tutte le parti del paese e, in province come Helmand, sono pronti a prendere in consegna il territorio alla partenza delle truppe. Nonostante l’appoggio delle truppe straniere, il controllo del governo afgano spesso finisce a un paio di chilometri fuori del capoluogo del distretto. I 30.000 soldati americani inviati per aumentare il numero delle truppe statunitensi nel 2010-11, che ha portato alla presenza totale massima di 101.000 unità, ha avuto poco impatto a lungo termine. L’intero fiasco afghano è troppo spesso dibattuto in termini di tattica militare, mentre le ragioni più importanti del fallimento degli Stati Uniti e della Gran Bretagna sono politiche e risalgono al periodo immediatamente successivo alla caduta dei talebani nel 2001. Quattro cose dovevano essere fatte in quel momento fondamentale: i talebani non erano popolari se non tra una piccola minoranza di afghani, ma la loro sconfitta militare era meno determinante di quanto appariva nei media occidentali perché si erano in gran parte ritirati o dispersi. Io li seguii sulla strada principale da Kabul a Ghazni e, infine, a Kandahar e c’erano pochi combattimenti. In circostanze politiche giuste, avrebbero potuto sempre riemergere. Altrettanto importante, sono state le 1.500 miglia di confine afghano-pachistano rimasto aperto dando modo ai talebani di trovare rifugi sicuri in cui riposare, ferrovie e rifornimenti.

Ciò che li ha fatti riemergere con forza e rapidamente dopo il 2006 è stato il risultato di un quarto fattore, vale a dire la natura deleteria del nuovo regime che è emerso a Kabul. Formato dagli stessi signori della guerra e comandanti jihadisti corrotti e violenti che avevano provocato l’ascesa dei talebani, sostenuti dal Pakistan e dall’Arabia Saudita, nel 1996. Dominando il parlamento, la magistratura e i servizi di sicurezza. “Coloro che hanno ricevuto mezzi finanziari dagli Stati Uniti nel 2001 per combattere i talebani hanno spesso investito nel commercio di droga”, scrive Thomas Ruttig “, e grazie a questo, a poco a poco hanno rilevato i settori leciti dell’economia, come l’attività di import-export, le costruzioni, il settore immobiliare, il settore bancario e minerario. “Così foraggiati dagli aiuti stranieri, nel 2013 l’Afghanistan nella classifica della Transparency International che misura tra gli uomini d’affari la percezione della corruzione è al fondo tra i 177 paesi più corrotti (pari con la Somalia e Corea del Nord). La nuova elite afgana post-talebani è stata caratterizzata da un mix letale di signori della guerra e Islam jihadista. Nel 2003 un giornalista Mir Hossein Musawi in un articolo di giornale a Kabul ha coniato il termine “fascismo santo” per descrivere la miscela dei due.

Fu subito costretto a fuggire dal paese accusato di aver insultato l’Islam. Le elezioni sono ormai un modo fraudolento per legittimare i vincitori. L’elezione dell’aprile 2014 rischia di essere peggio di qualsiasi cosa vista prima, con 20,7 milioni di schede elettorali distribuite in un paese dove la metà della popolazione di 27 milioni sono al di sotto dei 18 anni di età e quindi non potrà accedere al voto. Gli enti di monitoraggio elettorale indipendenti sono ormai succubi del governo. Di fronte a queste innumerevoli catastrofi i leader occidentali ignorano semplicemente la realtà afghana e si rifugiano in una realtà che non è lontana dalla deliberata menzogna. Durante una visita nella provincia di Helmand nel dicembre scorso David Cameron ha sostenuto che un livello base di sicurezza era stato stabilito, in modo da sostenere giustamente che la missione delle truppe britanniche era stata compiuta. Nessuno in Afghanistan crede questo. Ma la partenza delle truppe straniere non significa necessariamente il trionfo dei talebani che sono un movimento pashtun e avrà grande difficoltà stabilirsi in aree dominate da altre etnie come i tagiki, hazara e uzbeki. Molti afgani temono un destino peggiore, e credo che il 2014 vedrà l’inizio di un ritorno all’era della crudeltà selvaggia e anarchica come nel 1990, quando bande di jihadisti e guerrafondai governavano l’Afghanistan.

Traduzione a cura di Cisda – Osservatorio Afghanistan)

Foto: US DoD

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password