A Herat chiude il PRT italiano

imagesCA9D414B

ANSA –  Dopo nove anni di lavoro in Afghanistan chiude il Provincial Reconstruction Team (Prt) italiano, l’unità militare che ha il compito di fornire assistenza alle istituzioni della provincia di Herat per la realizzazione dei piani di sviluppo locale. Centinaia di progetti dal 2005, che hanno aiutato la popolazione e cambiato le condizioni di vita di studenti, malati, disabili e, soprattutto, donne. Fino al 2012 il contributo del ministero della Difesa è stato di poco superiore ai 42 milioni di euro, ai quali si aggiungono gli altri 4 milioni e 300mila euro del 2013. Nell’Executive Plan 2013, il piano degli interventi deciso dalle istituzioni locali e approvato dal governo afgano, i progetti erano 35, di cui 14 già terminati, 11 quasi pronti per l’inaugurazione e il resto ultimato sicuramente entro il 31 marzo. “In questi anni il Prt ha costruito un centinaio di scuole nella provincia di Herat – spiega il colonnello Vincenzo Grasso, comandante che avrà il compito di chiudere i lavori dell’unità di stanza nella base di Camp Arena, dove ha sede il Regional Command West – ha aumentato del 25% la presenza di strutture sanitarie, realizzato strade, condotti fognari, centri per disabili e donne”.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password