Fondi russi per gli elicotteri afghani

mi-17s_afghan_lg

La Russia fornirà nell’anno in corso una cifra pari a 4,1 milioni dollari al Fondo fiduciario di manutenzione (Helicopter Maintenance Trust Fund) Russia-NATO in Afghanistan.  Secondo un comunicato apparso sul sito web del Consiglio dei Ministri russo, il decreto sarebbe stato firmato dal primo ministro Dmitry Medvedev. Questa misura, lanciata ufficialmente nel marzo del 2011 e supportata dai paesi membri della NATO quali Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Turchia e Stati Uniti, mira al contributo della preparazione del personale di terra, alla manutenzione e riparazione degli elicotteri Mi-17 e Mi-35 in servizio con l’Esercito afghano e contestualmente alla fornitura di pezzi di ricambio originali al fine di bypassare l’eventuale approvvigionamento di ricambi di dubbia qualità provenienti dal mercato parallelo straniero (Ucraina e India in primis).

A tal proposito, nel 2011 il vice presidente dell’FSMTC (Servizio federale di cooperazione tecnico-militare) Vyacheslav Dzirkaln dichiarava infatti che – “Il fondo fiduciario è da un lato una lotta contro i prodotti contraffatti, e dall’altro il supporto necessario per la buona reputazione degli elicotteri a marchio Mil”.

foto: dvids

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password