Obama vuole gli alleati nella guerra contro lo Stato Islamico

Obama_in_Afghanistan_20121

Nella partita contro lo Stato Islamico,  Barack Obama ha iniziato a mobilitare gli alleati per coinvolgerli in una coalizione internazionale, nella prospettiva di una campagna di raid aerei in Iraq e Siria contro postazioni e leader dell’Isis. E secondo quanto hanno riferito alti funzionari dell’ amministrazione citati in forma anonima dal New York Times, la Casa Bianca si aspetta che all’appello rispondano in particolare Gran Bretagna, Australia, Giordania, Qatar, Arabia Saudita Turchia e Emirati Arabi Uniti. In particolare, secondo le fonti, la Casa Bianca prevede che Gran Bretagna e Australia siano disponibili a svolgere un ruolo attivo nella campagna aerea, e che la Turchia, che dispone di basi aeree da cui potrebbero partire i raid, rafforzi i controlli alla sua frontiera per intercettare eventuali jihadisti europei. Dalla Giordania dovrebbero arrivare invece importanti informazioni di intelligence, mentre dall’Arabia Saudita, Qatar e Emirati arabi sono attesi finanziamenti.

Allo stesso tempo, l’amministrazione Usa si prepara ad una azione umanitaria con l’invio di aiuti alla popolazione turcomanna della citta’ irachena di Amirli, assediata da due mesi dalle forze dell’Isis Anche se l’anno scorso in occasione dei minacciati raid aerei contro il regime di Bashar al Assad, Londra all’ultimo momento si e’ tirata indietro, il sostegno del governo Cameron (che ha giò inviato nella regione forze speciali, bombardieri Tornado e un aerei spuia Sentinel – nella foto a sinistra) sembra pressoche’ certo anche sae Londra intende limitare le operazioni al teritorio iracheno. Gia’ una decina di giorni fa, ancora prima della barbara decapitazione del giornalista americano James Foley, il premier britannico aveva sottolineato che il suo Paese si e’ impegnato ad aiutare le popolazioni minacciate dall’Isis in Iraq.

“Ma una risposta umanitaria non basta”, ha affermato Cameron in un lungo articolo sul Sunday Telegraph. Per quanto riguarda i Paesi della regione la situazione e’ invece piu’ complicata. “Uno dei problemi e’ che alcuni Paesi hanno clienti diversi  n Siria”, ha sottolineando l’ex ambasciatore Usa a Damasco Robert Ford parlando con il Nyt, che a sua volta sottolinea ad esempio le ampie divergenze tra Arabia Saudita e Qatar.

Circa il coinvolgimento delle forze siriane nel conflitto contro l’IS, il presidente francese Francois Hollande, Siria: Hollande  ha detto che il presidente siriano, Bashar al Assad “non puo’ essere un partner della lotta contro il terrorismo” in Siria e in Iraq, dove i jihadisti dello Stato islamico controllano diverse regioni. “Un’ampia alleanza e’ necessaria – ha detto Hollande – ma le cose devono essere chiare: Bashar al Assad non puo’ essere un partner della lotta contro il terrorismo, e’ l’alleato oggettivo dei jihadisti”.
Non sembrano pensarla allo stesso modo i miliziani dell’IS che hanno giustiziato decine di soldati siriani catturati nella battaglia dell’aeroporto militare di Tabaqa, nella provincia di Raqqa, conquistato dai jihadisti domenica scorsa dopo settimane di furiosi combattimenti. Allo stesso tempo, il segretario alla Difesa, Chuck Hagel, ha sottolineato in una nota come sette Paesi occidentali – Albania, Croazia, Danimarca, Italia, Francia e Gran Bretagna – abbiano gia’ risposto alla crisi impegnandosi ad inviare armi ed equipaggiamenti alle forze curde che nel nord dell’Iraq combattono contro l’Isis

 

(con fonti ANSA e AGI)

Foto Us DoD, UK DoD,

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password