Export militare: i dati 2014 di USA e Russia

prod_f35uk_b_0011

Secondo i dati forniti dalla Defense Security Cooperation Agency (DSCA), nei primi neve mesi del 2014 le aziende statunitensi impegnate nel settore Difesa hanno esportato armamenti e servizi legati alla tecnologia militare per US$ 31,2 miliardi; considerando gli ulteriori accordi di cooperazione esterni al programma US Foreign Military Sales (FMS), entro la fine dell’anno la cifra dovrebbe raggiungere i  34.2 miliardi di dollari . La notizia, pubblicata dal sito specializzato Defense Industry Daily, precisa che il risultato è leggermente superiore a quello ottenuto nel 2013 e che rimane quindi in linea con il range di crescita stabilito dalle aziende USA nell’ultimo decennio. Ad eccezione del 2012, anno in cui l’export ha toccato il tetto dei 60 miliardi di dollari, target ottenuto soprattutto grazie ai 29 miliardi spesi dall’Arabia Saudita per l’acquisizione di 84 McDonnell Douglas F-15 Eagle, il settore ha registrato una percentuale di crescita costante, passando dai 16 miliardi del 2006 ai 30 miliardi del 2013.

Secondo quanto diramato dal Federal Service for Military-Technical Cooperation, tra gennaio ed ottobre 2014 il settore industriale russo della Difesa ha esportato 9.8 miliardi di dollari. L’agenzia di stampa russa RIA Novosti sottolinea che, secondo le proiezioni, su base annua il dato rimanere sensibilmente al di sotto dei 15.7 miliardi raggiunti nel 2013. Per gli analisti, il risultato, inferiore alle previsioni avanzate lo scorso anno dal Cremlino, risente delle sanzioni internazionali decise contro la Russia a causa del sostegno di Mosca ai ribelli filorussi dell’Ucraina orientale.

Aziende russe come la Oboronprom, la United Aircraft Corporation e la Uralvagonzavod hanno, infatti, subito notevoli restrizioni e limitazioni, vedendosi negata la possibilità di ricercare capitali finanziari sia sui mercati nord americani che europei. L’Unione Europea ha inoltre vietato la vendita di qualsiasi prodotto a tutte quelle società russe ritenute parzialmente o totalmente coinvolte nella progettazione e produzione di sistemi ed attrezzature militari.

Foto Lockheed Martin e Oboronprom

Eugenio Roscini VitaliVedi tutti gli articoli

Colonnello dell'Aeronautica Militare in congedo, ha conseguito un master di specializzazione in analisi di sistema e procedure all'Istituto Superiore di Telecomunicazioni. In ambito internazionale ha prestato servizio presso il Comando Forze Terrestri Alleate del Sud Europa, la 5^ Forza Aerea Tattica Alleata e il Comando NATO di AFSOUTH. Tra il 1995 e il 2003 ha preso parte alle Operazioni NATO nei Balcani (IFOR/SFOR/KFOR). Gestisce il sito ITlogDefence.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password