Obama: contro l'IS altri 1.500 soldati e 5,6 miliardi

bb_141010-N-CZ979-007a1

AdnKronos – Barack Obama ha ordinato l’invio di un nuovo contingente di militari americani, fino a 1.500 soldati, in Iraq e chiede al Congresso altri 5,6 miliardi di dollari per finanziare la lotta allo Stato Islamico. Con questa decisione, annunciata da un comunicato della Casa Bianca, verrà quindi quasi raddoppiato il numero dei militari americani tornati in Iraq, che arriverà a 2.900. Saranno sempre truppe non di combattimento che verranno stanziate probabilmente nella provincia di Anbar e nel distretto di Taji, con il compito di addestrare le truppe irachene e le forze curde che combattono lo Stato Islamico. “Il presidente ha preso queste decisioni rispondendo alle richieste del governo iracheno e alle raccomandazioni del ministro Hagel e dei suoi comandanti militari che hanno valutato le esigenze delle forze di sicurezza irachene”, recita ancora il comunicato della Casa Bianca.

La decisione arriva pochi giorni dopo della schiacciante vittoria elettorale dei repubblicani che hanno riconquistato il controllo dell’intero Congresso anche con una campagna orientata alle critiche all’azione, considerata non sufficientemente incisiva, intrapresa dal presidente per combattere l’IS. La richiesta di nuovi finanziamenti per sostenere il nuovo impegno militare di Washington viene considerata quindi un primo test di cooperazione tra la Casa Bianca e il Congresso repubblicano.

“Noi  consideriamo questa richiesta un’opportunità per il Congresso e questa amministrazione per lavorare insieme e fornire le risorse necessarie per contrastare e sconfiggere l’IS”, ha dichiarato Shaun Donovan, direttore del budget della Casa Bianca.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password