Typhoon italiani "contro" i russi sul Baltico

AMG_3134_EFA0Big

 

(aggiornato alle 15,30)

Gli Eurofighter italiani si misureranno presto con Mig, Sukhoi e Tupolev russi nei cieli sempre più caldi del Mar Baltico. Quattro caccia  Typhoon dell’Aeronautica Militare Italiana verranno schierati dal 27 dicembre  nella base lituana di Siauliai nell’ambito della Baltic Air Patrol (BAP) della NATO, l’operazione che vede i jet alleati alternarsi nel garantire la protezione aerea alle tre Repubbliche Baltiche (Estonia, Lettonia e Lituania) partner dell’Alleanza Atlantica ma le cui forze aeree sono prive di jet da combattimento.

La BAP è stata progressivamente potenziata. quest’anno in seguito alla crisi in Ucraina e all’escalation dei voli militari russi ai limiti dello spazio aereo dei Paesi che si affacciano sul Baltico

Si tratta di un  nuovo importante impegno per l’Aeronautica Militare italiana, l’unica in ambito alleato a garantire la  sorveglianza dello spazio aereo di ben quattro Nazioni prive di forze aeree da combattimento: oltre a partecipare a rotazione alla BAP in Lituania i nostri jet proteggono infatti i cieli dell’Islanda (a rotazione con altri partner NATO), Slovenia e Albania, quest’ultima in cooperazione con le forze aeree greche.

Secondo fonti NATO (il Ministero della Difesa italiano come al solito tace) l’Italia assumerà il comando della BAP e  i Typhoon saranno operativi dall’inizio dell’anno insieme ai jet polacchi (4 Mig-29 schierati anch’essi a Siauliai, a 4 Typhoon spagnoli basati nell’aeroporto militare estone di Amari e ad altri 4 britannici attesi in gennaio. Le pattuglie italiane, polacche e spagnole avvicenderanno i velivoli alleati attualmente assegnati ala BAP: 4 Typhoon tedeschi, 4 F-18  (CF-188) canadesi, 4 F-16 olandesi e altrettanti portoghesi, questi ultimi dislocati a Siauliai.

Da quanto appreso da Analisi Difesa il comando della BAP sarà affidato al colonnello Marco Bertoli mentre i Typhoon, gli equipaggi e il personale impegnati nella missione della durata di circa tre mesi provengono dagli Stormi 4°, 36° e 37°.

La NATO garantisce dal 2004 la sicurezza dei cieli delle Repubbliche Baltiche ma ha portato da 4 a 16 i caccia assegnati alla BAP a causa della crisi con Mosca, in uno sforzo a cui si unirà nel 2015 anche l’Ungheria con i cacciabombardieri Saab Gripen.

Superfluo sottolineare l’impatto politico di un rischieramento operativo di forze aeree da combattimento italiane che, pur restando nell’ambito NATO, assume una precisa valenza di contrasto alla Russia in un momento in cui l’Italia già paga il prezzo più alto nei rapporti con Mosca a causa delle sanzioni UE che penalizzano il nostro export.

Foto : Aeronautica Militare e Forza Aerea Portoghese

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password