In Iraq le milizie sciite emarginano l’esercito

1568566_-_main1

Askanews – Le milizie sciite sostenute dall’Iran stanno sempre più assumendo il comando nella lotta contro i jihadisti dello Stato islamico in Iraq, mettendo così a rischio la strategia americana di rafforzare il governo centrale di Baghdad, ricostruire l’esercito iracheno e promuovere una riconciliazione con la comunità sunnita.

E’ quanto scrive oggi il Washington Post, sottolineando come le milizie, contando su circa 100.000-120.000 uomini armati, stiano rapidamente eclissando l’esercito iracheno che oggi può contare  su circa 48.000 uomini.

Secondo  il Wp, la recente offensiva lanciata contro l’Isis nella provincia di Diyala dall’Organizzazione Badr ha rafforzato la posizione della milizia come forza dominante lungo una fascia di territorio che va dal sud dell’Iraq a Kirkuk, nel nord.

Se i combattimenti dovessero seguire tale traiettoria, ha sottolineato al Wp Michael Knights, del Washington Institute for Near East Policy, “c’è il rischio reale che gli Stati Uniti sconfiggano lo Stato islamico, ma perdano l’Iraq a favore dell’Iran”, tanto da trasformare il Paese in un nuovo Libano, con un governo debole ostaggio della potente organizzazione sciita Hezbollah.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password