Sindacati e Cocer temono la chiusura di Decimomannu

Militari-cacciati-dai-poligoni-sardi

AdnKronos – I dipendenti civili e militari della base dell’Aeronautica militare di Decimomannu (Ca) sono “pronti a fare le barricate”. Lo hanno annunciato i sindacati del personale civile Cisl-Fp, Cisl-Fisasca, Rsu e il delegato nazionale Cocer interforze, Antonsergio Belfiori, in merito all’ipotesi di chiusura della base dopo l’accordo tra Regione Sardegna e Ministero della Difesa, che prevede lo stop delle esercitazioni per 4 mesi anziché di 2 mesi così come previsto dagli accordi tecnici tra l’Italia e la Germania e la riduzione progressiva della presenza dei militari nell’isola.

Preoccupazione è stata espressa per ”le attività che saranno compromesse dalla lunga chiusura dei poligoni, soprattutto Capo Frasca, e pertanto sia i Tedeschi che l’Aeronautica stanno valutando soluzioni diverse per dare continuità alle loro esercitazioni”, come la scelta di poligoni in nazioni confinanti.

“Infatti – spiega il rappresentante del Cocer – è vigente da 50 anni un accordo con la Lutwaffe che prevede la divisione al 50% delle spese per la gestione di Decimo e del poligono di Capo Frasca”.

I sindacati concordano che si tratti di “un sistema (quello che ruota intorno all’Aeronautica, ndr) che riversa sui comuni del  circondario un impatto economico e sociale importante”. Sono impiegati 1200 lavoratori tra militari e civili (oltre 40 milioni di euro di stipendi), operano 80 ditte esterne per altri 800 lavoratori con un volume d’affari di 6 milioni e infine investimenti con contratti per oltre 15 milioni.

“In mancanza di alternative valide, il mantenimento dell’attuale impianto economico-lavorativo militare e  civile è una priorità delle rappresentanze del personale e una responsabilità politica della Regione Sardegna”, dicono i sindacati e il Cocer.

L’attività del poligono di tiro Capo Frasca è  strettamente legata all’aeroporto di Decimo che offe supporto tecnico-operativo alle forze armate e alle ditte specializzate, come  la Vitrociset che investe circa 800 milioni all’anno, che scelgono Decimo per “l’altissima valenza operativa”.

Inoltre nell’aeroporto  di Decimo è presente il Servizio Meteorologico regionale e l’80° Gruppo Elicotteri Sar per il soccorso ai civili e per la prevenzione agli incendi in Sardegna.

“Siamo pronti alle barricate con tutto il personale – dicono Cisl-Fp, Cisl/Fisasca, Rsu -, anche militare, per difendere il posto di lavoro e il sistema economico vigente nel territorio che va avanti da oltre 50 anni”. I sindacati chiedono un intervento delle segreterie regionali “affinché si formalizzi un incontro con i vertici della Regione Sardegna”.

Il Cocer si rende disponibile ad incontrare il  presidente Francesco Pigliaru e il Ministro della Difesa Roberta Pinotti per analizzare la delicata questione e rappresentare le gravi ricadute sul territorio sardo se l’Aeronautica dovesse lasciare l’isola e per chiedere maggiori tutele e garanzie per i lavoratori.

Foto: Tsarget/Aviation Photography

Vignetta: Alberto Scafella

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password