Il Col Moschin addestra altri soldati somali

somali-national-army

Si è concluso il 23 febbraio presso le strutture addestrative del Comfose (Comando Forze Speciali dell’Esercito) di Livorno il secondo corso  di scorta e protezione ravvicinata riservato al personale dell’esercito somalo e gestito dagli incursori del  9° reggimento Col  Moschin.

Al primo corso, tenutosi nel dicembre scorso, parteciparono una trentina di somali  contro i 25 di quest’ultimo ciclo di addestramento  protrattosi come il precedente per poco meno di un mese secondo quanto riferiscono ad Analisi Difesa fonti ben informate.

L’obiettivo dell’iniziativa curata dalle forze speciali dell’Esercito è formare un numero sufficiente di unità in grado di garantire la sicurezza dei leader politici e militari somali minacciati dagli attentati delle milizie qaediste Shebab.  La missione addestrativa dell’Unione Europea a Mogadiscio (EUTM Somalia) è e resterà a comando italiano (il generale di brigata Massimo Mingiardi verrà presto avvicendato dal parigrado Antonio Maggi) e per quest’anno è atteso l’avvio di una missione militare italiana in Somalia di consulenza e supporto alle forze locali.

Foto: Esercito somalo

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password