Yemen: i sauditi preparano l'attacco di terra

f68247ee-524e-4f36-a1ab-d1b2ac3eeaa9_16x9_600x3381

L’Arabia Saudita appare sempre più vicina al lancio di un’operazione di terra contro le milizie sciite Houthi e i reparti dell’esercito yemenita fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh. Secondo il quotidiano egiziano “al Watan”, Riad avrebbe inviato nelle ultime ore carri armati e artiglieria lungo il confine con lo Yemen. In conferenza stampa, inoltre, il generale Ahmed Asiri, portavoce delle forze della coalizione a guida saudita, ha fatto sapere che “le forze di terra sono pronte e addestrate e faranno il proprio dovere quando sarà il momento”.

Nel frattempo, ha aggiunto Asiri, le forze della coalizione hanno “bloccato tutti i porti del paese” e stanno ispezionando tutte le imbarcazioni in arrivo. Sviluppi che arrivano dopo che gli insorti yemeniti hanno cercato senza successo di colpire in territorio saudita con un missile balistico partito dalla periferia di Sana’a: il missile è caduto a circa 60 chilometri dalla capitale. A seguito dell’evento, le forze aeree della coalizione hanno distrutto il sito utilizzato per il lancio, ha precisato Asiri.

Anche il Pakistan invierà militari in Arabia Saudita per partecipare all’operazione contro i ribelli sciiti in Yemen. Lo riferisce il sito turco “World Bulletin”citando fonti interne al governo di Islamabad. Nei giorni scorsi il premier pachistano Nawaz Sharif ha sottolineato che “qualsiasi minaccia contro l’Arabia Saudita sollecita una grande responsabilità da parte di Islamabad”, e aggiunto di stare considerando l’ipotesi di un intervento all’interno dell’operazione in Yemen.

Alla missione “Tempesta risolutiva” contro i ribelli sciiti Houthi partecipano cinque monarchie del Golfo (tranne l’Oman), ed Egitto, Giordania, Marocco, Sudan. Turchia, Stati Uniti e Regno Unito hanno invece offerto il loro supporto logistico alle operazioni.

Coalizione in azione anche sul fronte marittimo. Per la prima volta nel conflitto in Yemen sono intervenute direttamente navi da guerra della coalizione a guida saudita con il bombardamento di forze Houthi e  fedeli all’ex presidente yemenita Ali Abdullah Saleh che cercavano di avvicinarsi ad Aden.

Lo  segnala una “fonte militare” citata dal sito yemenita “Al Yaman Al Aan”. Il sito yemenita non precisa di quale nazionalità siano le navi ma è noto che unità egiziane e saudite sono presenti nel Mare arabico e nel Mar Rosso a ridosso delle coste yemenite anche col compito di impedire l’arrivo di armi per i miliziani sciiti Houthi.

(con fonte AGI e ANSA)

Foto: SPA e AP

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password