Difesa antimissili balistici: Varsavia sceglie il Patriot

rtn_189420

Per il suo programma di difesa aerea e anti-missile a medio raggio Wisla (Vistula) la Polonia ha selezionato l’intercettore Patriot (Phased Array TRacking to Intercept Of Target), sistema di difesa tattica di punto prodotto dall’azienda statunitense Raytheon.

La notizia è stata annunciata il 21 aprile scorso dal presidente polacco Bronislaw Komorowski e ulteriori dettagli sono stati forniti da IHS Jane’s. Il Patriot è stato preferito al SAMP/T (Surface-to-Air Missile Platform/Terrain) realizzato dal consorzio Eurosam, società controllata da MBDA France, MBDA Italy e Thales Group.

Secondo quanto dichiarato dal vice ministro della Difesa, Czeslaw Mroczek, la scelta sarebbe frutto di una valutazione tecnico-industriale, oltre che militare e politica. Tra i principali requisiti richiesti all’intercettore c’erano l’architettura net-centric  del sistema e la capacità del radar di operare a 360°, cosa peraltro per ora disattesa, e la certezza di ingaggiare  e distruggere i missili a corto raggio 9M723K1 lanciati dal sistema missilistico russo  9K720 Iskander (SS-26 Stone).

Nel raggiungere l’accordo, gli Stati Uniti hanno garantito la difesa dello spazio aereo polacco per almeno due anni con l’utilizzo di sistemi USA messi a disposizione della Polonia fino alla consegna delle prime batterie Patriot.

Previsto, inoltre, il coinvolgimento dell’industria polacca con circa il 50% dei componenti prodotti da un consorzio di aziende guidate dalla Polish Armament Group (PGZ).

Il contratto, che dovrebbe essere sottoscritto entro fine 2015 e che dovrebbe avere un valore di circa 4 miliardi di dollari, prevede l’acquisto di 8 batterie complete, ognuna delle quali equipaggiata con tre unità di lancio armate con missili PAC-2 GEM-T o PAC-3 MSE.

Per quanto riguarda i tempi, le prime 2 batterie, definite come “interim standard”, dovrebbero essere consegnate ai reparti della Difesa Aerea polacca nel 2019; le “fully capable”, con radar capace di operare a 360°, verrebbero invece acquisite nel 2022; le restanti quattro sarebbero, infine, consegnate nel 2025, data entro la quale partirebbe, inoltre, l’aggiornamento delle prime due batteria a “fully capable”.

Una volta operativi, i Patriot polacchi verranno inseriti nella rete Anti-Missile Defense (AMD) system della NATO.

Lo scorso marzo, l’US Army ha inviato in Polonia (Sochaczew) il 5th Battaglione (Delta Battery) del 7th Air Defense Artillery Regiment ; il rischieramento, che ha avuto una durata di oltre una settimana e ha coinvolto il 37th Missile Squadron della Difesa Aerea polacca,  è stato effettuato in occasione di una esercitazione svoltasi nel quadro dell’Operazione Atlantic Resolve.

Con il programma Wisla, partito nel giugno 2013, Varsavia intende rimpiazzare i vecchi sistemi missilistici sovietici superficie-aria (SAM) attualmente in uso: si tratta di batterie Kub (SA-6 Gainful), S-125 Neva-SC (SA-3 Goa), Osa (SA-8 Gecko) e S-200C (SA-5 Gammon). (IT log defence)

Foto: Raytheon

Eugenio Roscini VitaliVedi tutti gli articoli

Colonnello dell'Aeronautica Militare in congedo, ha conseguito un master di specializzazione in analisi di sistema e procedure all'Istituto Superiore di Telecomunicazioni. In ambito internazionale ha prestato servizio presso il Comando Forze Terrestri Alleate del Sud Europa, la 5^ Forza Aerea Tattica Alleata e il Comando NATO di AFSOUTH. Tra il 1995 e il 2003 ha preso parte alle Operazioni NATO nei Balcani (IFOR/SFOR/KFOR). Gestisce il sito ITlogDefence.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password