L'India diffida di Londra per l'intesa afghano-pakistana

thCASOVF9T

L’India sospetta il coinvolgimento dell’intelligence britannica nell’accordo tra i servizi segreti pachistani e afgani che ha provocato irritazione negli ambienti politici e militari di Nuova Delhi. Lo riferisce il “Times of India” citato dall’Agenzia Nova, secondo cui gli ultimi sviluppi potrebbero addirittura portare al rinvio della visita nel Regno Unito del primo ministro Narendra Modi (nella foto a sinistra) , in programma per la fine dell’anno. L’accordo afghano-pakistano ancora non è stato reso pubblico ma un paio di clausole trapelate dalle indiscrezioni hanno provocato l’indignazione dell’India. Le due agenzie di intelligence, infatti, si impegnano a evitare di criticarsi l’un l’altra e a non collaborare con “agenzie straniere ostili”, una formula nella quale per il Pakistan rientra senza dubbio anche l’India.

Il coinvolgimento dei servizi segreti militari pakistani (ISI) nel sostegno ai talebani aveva indotto negli anni scorsi il presidente Hamid Karzai ad avvicinarsi all’India siglando addirittura un accordo di cooperazione militare che aveva infastidito il Pakistan. Il nuovo presidente Ashraf Ghani ha invece modificato sostanzialmente la linea del suo Paese puntando sull’intesa co Islamabad.

In gennaio Ghani (foto a fianco) ha sospeso la richiesta di armamenti all’India avanzata nel 2014 dal suo predecessore nell’ambito di un programma che prevedeva anche l’invio di istruttori e consiglieri militari indiani a Kabul. Anche l’accordo di cooperazione militare bilaterale è stato accantonato da Kabul che sembra quindi puntare sulla cooperazione con il Pakistan con un’intesa probabilmente mediata da Londra benché negli ultimi anni l’India  abbia realizzato molti progetti infrastrutturali in Afghanistan con investimenti superiori ai due miliardi di dollari.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password