Obama estese in silenzio lo spionaggio sul web

150px-National_Security_Agency_svg

Il presidente statunitense Barack Obama ha ordinato a partire dal 2012 una significativa espansione delle attività di spionaggio informatico da parte della National Security Agency (Nsa) senza alcun preavviso o dibattito pubblico. Lo rivela il “New York Times” citato dall’Agenzia Nova, pochi giorni dopo i battibecchi al Congresso federale culminati nell’imposizione di labili vincoli alle attività di intercettazione telefonica da parte della stessa agenzia.

A metà 2012, i legali del dipartimento di Giustizia Usa hanno inviato all’Nsa due note segrete che autorizzavano l’agenzia d’intelligence a sorvegliare le “tracce informatiche” di individui sospettati di essere hacker al servizio di governi stranieri; alcuni documenti riservati concessi dalla “talpa” dell’Nsa Edward Snowden al quotidiano Usa e a ProPublica, provano anche che l’agenzia d’intelligence ottenne l’approvazione per estendere la sorveglianza informatica ad individui privi di qualunque legame apparente con le potenze straniere.

Non è chiaro su quali standard l’agenzia basi le proprie attività segrete di sorveglianza della rete. Stabilire chi si celi dietro un attacco informatico è difficile – sottolinea il “New York Times” – e per mandato l’Nsa dovrebbe concentrare la propria attività soltanto sul fronte dell’intelligence estera, e non della sicurezza interna. Inoltre – ed è questo il punto cruciale – i poteri segretamente concessi all’agenzia d’intelligence consentono al governo federale di attingere a una vasta mole di informazioni private, dalle email dei cittadini statunitensi a segreti industriali ed accordi aziendali, in quanto sorvegliare il flusso di dati movimentato dagli hacker consente al governo di copiare le stesse informazioni sottratte da questi ultimi.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password