Regali al Califfo: in sciopero i piloti iracheni di F-16

AIR_F-16D-IQ-52_1st_Flight_LMCO_lg

Se non fosse drammaticamente vera, la notizia farebbe morire dal ridere. Mentre le forze dello Stato Islamico continuano ad avanzare verso Baghdad  il personale dell’aeronautica irachena che dovrà operare con gli aerei da combattimento F16 ha proclamato uno sciopero a causa del taglio degli stipendi dell’80 per cento ordinato dal ministro delle Difesa, Khaled al Obeidim, e dal ministro delle Finanze, Hoshyar Zebari dopo il loro rientro dagli Stati Uniti.

Lo riferisce il sito internet “Iraqi news” ripreso dall’Agenzia Nova, precisando che 475 tecnici e i piloti si trovano in addestramento nella vicina Giordania per ricevere la formazione necessaria in vista della consegna dei primi F-16 su una commessa di 36 velivoli.

Gli istruttori statunitensi hanno chiesto al personale iracheno di firmare un documento che certifichi la rinuncia al completamento dei corsi. “Sarebbe una grande perdita perché abbiamo un disperato bisogno di formare i nostri ufficiali e i nostri soldati”, ha detto Awatef Nemaa, deputato della Coalizione dello stato di diritto dell’ex premier Nouri al Maliki, sollecitando il governo a intervenire per pagare gli stipendi.

Baghdad dovrebbe schierare i da combattimento nella base aerea di Balad, nella provincia di Salah al Din ma le prime spedizioni sono state ritardate dopo che l’offensiva nello Stato islamico nell’area occidentale e settentrionale del Paese minacciò di occupare anche quell’aeroporto militare.

Le Forze armate irachene dispongono al momento di aerei da combattimento russi Sukhoi Su-25, in parte appartenuti al regime di Saddam Hussein, riparati in Iran durante la guerra del 1991 e restituiti l’anno scorso da Teheran, in parte forniti da Mosca sempre nel 2014.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password