IRAQ: arrivano gli F-16, se ne vanno i soldati sciti

AIR_F-16D-IQ-52_1st_Flight_LMCO_lg

Gli Usa consegneranno presto all’aviazione irachena tre jet F-16, su un totale di 36 che si erano impegnati a fornire a Baghdad in base a un contratto di alcuni anni fa, ma gli aerei saranno basati in Giordania perché secondo gli americani in Iraq non vi sono basi adeguate per le operazioni di questi aerei. Lo hanno reso noto alcuni parlamentari iracheni, lamentando i ritardi nelle forniture da Washington.

Attualmente 35 piloti iracheni e un centinaio di tecnici stanno ricevendo un addestramento di base in Giordania per l’uso degli F-16.  Haitham al Jubury, membro della commissione Finanze del Parlamento, ha detto che finora Baghdad ha pagato il 30 per cento del costo degli aerei, cioè circa un miliardo su un totale di tre miliardi di dollari.

“C’è un ritardo – ha lamentato Al Jubury – nell’addestramento dei piloti e nelle consegne da parte degli americani, che adducono una serie di pretesti, come la mancanza in Iraq di basi adeguate per ospitare i jet”.

In realtà la base prevista per ospitare i jet statunitensi e attrezzata ad hoc, quella di Baload, si trova troppo vicino al fronte e alle avanguardie dello Stato Islamico.

Se i primi F-16 sono in arrivo (ma uno si è schiantato per un incidente in Giordania due settimane or sono) i militari sciti dell’Esercito regolare iracheno lasciano l’uniforme per arruolarsi nelle milizie Badr.

Si tratta di almeno 2.700 militari e secondo quanto rivelano fonti del ministero della Difesa iracheno al quotidiano “al Quds al Arabi”, a spingere molti soldati ad abbandonare l’esercito per entrare nelle milizie è la paga bassa dei militari e l’allargamento delle competenze affidate alle milizie, che sono chiamate ad aiutare le forze armate nella lotta contro lo Stato islamico.

Ad incidere su questa scelta sono anche le scarse attrezzature militari affidate ai soldati (la gran parte delle armi pesanti sono state “requisite” dalle milizie scite e l’elevato tasso di perdite sofferto negli scontri contro le forze del Califfato.

(con fonti ANSA e Agenzia Nova)

Foto: Ministero Difesa Iraq, AP

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password