28 Typhoon per il Kuwait

squared_medium_squared_original_EFA_Kuwait_S

Come ANALISI DIFESA aveva anticipato è stato ufficializzato il contratto di acquisto di 28 cacciabombardieri Eurofighter Typhoon (22 miniposto e 6 biposto) da parte del Kuwait.

L’annuncio è stato fatto ieri in occasione della visita al Quirinale del Primo ministro kuwaitiano, Jaber Mubarak Al-Hamad Al-Sabah.

Si tratta di un contratto da 8 miliardi di euro siglato da Finmeccanica-Alenia Aermacchi che nell’ambito del consorzio Eurofighter ha gestito le trattative e la commessa con l’emirato definita da un accordo tra i due governi.

All’intesa hanno contribuito le ottime relazioni bilaterali sviluppatesi dopo la guerra irachena del 2003 quando il Kuwait divenne la retrovia logistica del contingente italiano a Nassiryah e, più recentemente, con il dispiegamento in Kuwait di 4 Tornado, 2 UAV Predator e un tanker B-767A nell’ambito delle operazioni della Coalizione contro lo Stato Islamico.

L’Aeronautica Militare ha sviluppato intense relazioni con le forze aeree dell’emirato che inviano loro piloti a formarsi in Italia.

Secondo alcuni analisti la quota dell’ordine dei 28 Typhoon attribuita a Finmeccanica-Alenia Aermacchi sarebbe di 1,5 – 2 miliardi mentre il valore della commessa sarebbe “scomponibile” in un 50% per i velivoli e altrettanto per formazione, logistica e supporto. L’accordo, a lungo rimasto in forse, dovrebbe venire finalizzato a breve e coinvolgerà anche Selex ES, Elettronica, Mbda, Aerea, Vitrociset e alcune piccole e medie imprese italiane.

Sull’onda della notizia del contratto ieri il titolo Finmeccanica ha chiuso in Borsa con un rialzo del 5,4 per cento a 12,47 euro.

A Finmeccanica si sottolinea come “questo nuovo successo internazionale faccia seguito all’ordine del Sultanato dell’Oman per 12 aerei, siglato a dicembre 2012 e costituisce un’ulteriore prova del crescente interesse per l’Eurofighter Typhoon in tutto il mondo e nella regione del Golfo in particolare, con il Regno dell’Arabia Saudita e il Sultanato dell’Oman che hanno già ordinato questo velivolo da combattimento”.

Dall’entrata in servizio del primo Eurofighter Typhoon alla fine del 2003, 444 aerei sono stati consegnati a sei nazioni: Germania, Regno Unito, Italia, Spagna, Austria e Arabia Saudita. A dicembre 2012, l’Oman è divenuto il settimo cliente e ha ordinato un totale di dodici aerei.

L’Eurofighter Typhoon è attualmente in servizio presso 22 unità operative e fino ad oggi l’intera flotta ha completato oltre 300.000 ore di volo a livello mondiale.

Con il Kuwait, l’Eurofighter Typhoon ribadisce il suo ruolo di più grande programma militare di collaborazione europea, con un totale di 599 aerei commissionati, i oltre 100.000 posti di lavoro in 400 aziende ad alta tecnologia coinvolte in tutto il continente.

Foto Eurofighter

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password