Da Londra a Raqqa: la fuga del banchiere del Califfo

khaled

ANSA – L’ha fatta sotto il naso ai servizi  di sicurezza di Sua Maestà  e pare sia riuscito a fuggire in Siria il predicatore radicale islamico Mohammed Khaled, 45 anni,  indicato nei mesi scorsi come un sospetto sostenitore e finanziatore dell’Isis di base in Gran Bretagna. A denunciarlo  sono oggi i domenicali del Telegraph e del Sun, che citano fonti in seno alla stessa intelligence britannica.

Stando a queste fonti, l’MI5 – i servizi segreti interni di Londra – temono ora che l’uomo abbia trovato asilo nel territorio controllato dai jihadisti e da lì stia “tramando  attività terroristiche” contro il Regno Unito.

Con lui risulta essere sparita anche la moglie.  Khaled era stato messo sotto sorveglianza mesi fa dopo essere finito in una lista nera di 23 presunti finanziatori del terrorismo ed essersi visto congelare tutti i beni sulla base del Terrorist Asset-Freezing  Act britannico. In totale, l’intelligence stima che siano oltre 700 i foreign fighter provenienti dalla Gran Bretagna unitisi finora all’Isis in Siria o in Iraq, circa metà dei quali poi rientrati nel Paese con intenzioni potenzialmente minacciose.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password