In Somalia cresce l’influenza dello Stato Islamico

Mumin-1024x576

Primo video dello Stato islamico in Somalia: il filmato mostra l’addestramento dei jihadisti nel Paese del Corno d’Africa e il loro presunto leader, Abdikadir Mumin (nella foto a sinistra), che afferma di voler realizzare l’agenda dell’Isis in Somalia.

Camp8-1024x576Come ha ricordato ieri la radio somala Dalsan, Mumic ha abbandonato il gruppo somalo affiliato ad al-Qaeda, al Shabab, per giurare fedeltà all’Isis alla fine dello scorso anno.

il 25 aprile l’Isis aveva rivendicato il suo primo attacco in Somalia, messo a segno contro un convoglio delle forze della missione di pace africana (Amisom), ma la stessa Amisom aveva smentito la rivendicazione, sostenendo che responsabili erano gli Shabab.

Nei mesi scorsi i jihadisti Shebab si sono divisi sulla fedeltà all’Isis tra quanti sarebbero pronti ad adottare l’agenda globale del Califfato e quanti vogliono invece limitare la propria azione alla regione.

Camp7-1024x576Lo Stato Islamico aveva pubblicato il 14 aprile sui social media un video che mostrava il “Commander Sheikh Abu Numan training camp”,  presumibilmente sito – come riporta il Long War Journal – nel Puntland in cui si vede l’ex comandante di al-Shabab Abdiqadir Mumin, figura di primo piano nell’area, “benedire” e sponsorizzare la struttura.

Questa, peraltro, non sembra permanente ma mobile per evitare di essere individuata dagli “occhi nel cielo” dei nemici.

Nel video si vede una dozzina di reclute addestrarsi e ribadire la loro fedeltà ad Abu Bakr al Baghdadi.

Per quanto riguarda l’attacco del 25 aprile alle truppe africane dell’AMISOM, come riporta il gruppo di analisti di SITE, questo è stato condotto con un ordigno improvvisato (Ied) contro “un veicolo militare delle forze dei crociati africani a Mogadiscio”.

(con fonte Askanews/AP e Il Velino)

Foto Stato Islamico /Long War Journal

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password