IL QATAR PUNTA A SVILUPPARE TECNOLOGIE UAV

TexasAEM

Secondo quanto pubblicato dal quotidiano arabo in lingua inglese Gulf Time, la Qatar Emiri Air Force (QEAF) starebbe per sviluppare una propria tecnologia nel settire dei velivoli teleguidati (droni); l’impegno sarebbe giustificato dalla necessità di rafforzare la sicurezza dei propri confini marittimi anche in vista dei campionati mondiali di calcio ospitati dall’emirato nel 2022.

La notizia, diramata del generale Khalid bin Ahmad Al Kuwari, direttore del Reconnaissance and Surveillance Centre (RSC) di Doha, precisa che l’aeronautica avrebbe già sottoscritto un accordo quinquennale con i ricercatori della Texas A & M University del Qatar (TAMUQ).

In occasione della Doha International Maritime Defence Exhibition and Conference (DIMDEX) 2016 (in cui il Qatar ha firato contratti per 9 miliardi di dollari in equipaggiamenti militari)  il governo aveva firmato con la ditta polacca WKK un memorandum d’intesa per il trasferimento tecnologico nel settore della produzione di aeromobili a controllo remoto (UAV).

Inoltre era stata richiesta la realizzazione di alcuni parti specifiche di drone ed erano stati sottoscritti accordi con la tedesca Reiner Stemme Utility Air-Systems, per la fornitura di UAV, e con la statunitense Aurora, per la successiva integrazione di sensori ISR (intelligence, sorveglianza e ricognizione).

Il Generale Al Kuwari ha, inoltre, aggiunto che è in corso l’elaborazione di un nuovo concetto di gestione dello spazio aereo del Qatar, un piano che ha come obiettivo quello di evitare situazioni di rischio simili a quanto accaduto a metà giugno al Dubai International Airport, scalo rimasto chiuso per circa un’ora a causa del transito non autorizzato di droni.  (IT log defence)

Foto: Texas A & M University del Qatar

Eugenio Roscini VitaliVedi tutti gli articoli

Colonnello dell'Aeronautica Militare in congedo, ha conseguito un master di specializzazione in analisi di sistema e procedure all'Istituto Superiore di Telecomunicazioni. In ambito internazionale ha prestato servizio presso il Comando Forze Terrestri Alleate del Sud Europa, la 5^ Forza Aerea Tattica Alleata e il Comando NATO di AFSOUTH. Tra il 1995 e il 2003 ha preso parte alle Operazioni NATO nei Balcani (IFOR/SFOR/KFOR). Gestisce il sito ITlogDefence.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password