NUOVI SISTEMI DI AUTODIFESA PER “L’AEREO DI PUTIN”

Rossia-Il-96-300

Un nuovo wide-body russo Ilyushin Il-96-300 in servizio con la divisione aerei speciali VIP della compagnia parastatale Rossiya matricola RA-96022 è stato visto recentemente in volo dotato di un innovativo sistema di protezione contro i sistemi di difesa antiaerea portatili (MANPADS).

Questo velivolo, che ha compiuto il suo primo volo lo scorso 23 novembre 2015, ha mostrato nel dettaglio quattro apparati montati sotto la fusoliera (due anteriori e due posteriori) comprendenti per coppia sensori di allarme e contromisure direzionale a infrarossi (DIRCM). Quest’ultimo potrebbe essere il sistema LSZ100-1 che fa parte dell’apparato complessivo LSZ100 (la cui sigla sta per Lazernaya Zashchity Sistema o sistema di difesa laser).

Nel dettaglio inoltre gli apparati posteriori montano finestrelle quadrate, quasi certamente dispositivi di allarme laser L140 Otklik, mentre quelli posteriori di foggia rotonda monteranno un sistema di allarme UV L370-2.

I componenti di questo sistema (tra cui il jammer LSZ100-1 e i sensori antimissile L370-2) sono stati progettati e realizzati dalla JSC NII Ekran e sono stati mostrati in occasione dell’ultimo salone aerospaziale MAKS 2015 di Zhukovsky.

Si tratta in realtà di un derivato del sistema L370 Vitebsk (progettato per i nuovi elicotteri militari russi e attualmente esportato col nome di President-S), qui approntato per aerei militari e commerciali di grande dimensioni per la difesa dai MANPADS.

Il prototipo del LSZ100 fu testato nel 2012-2013 su un Tupolev Tu-214 (matricola RA-64505) della stessa divisione aerei speciali Rossiya, con la sola differenza che allora i due pod erano montati esclusivamente nella zona posteriore del velivolo e avevano una conformazione esterna lievemente diversa da quella recentemente installata sull’Il-96-300.

Secondo la stampa russa la società Tupolev avrebbe ordinato nel giugno 2015 due sistemi LSZ100 da installare su due aerei civili Tu-214; quasi certamente entrambi destinati alla compagnia Rossiya.

Foto Planetspotter

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password