LEONARDO CON AIRBUS E DASSAULT PER IL DRONE EUROPEO

male2020-600x276

Dall’inizio di settembre è iniziata una nuova fase per il Drone Europeo. Il contratto per lo studio di definizione del Drone Europeo (Male RPAS – Medium Altitude Long Endurance Remotely Piloted Aircraft System), assegnato a Leonardo-Finmeccanica, Airbus e Dassault Aviation, è stato ufficializzato nel corso di una riunione per l’avvio del progetto presieduta da OCCAR, l’Organizzazione Europea per la cooperazione in materia di armamenti. Presenti i rappresentanti delle industrie coinvolte e dei paesi partecipanti al programma: Italia, Francia, Germania e Spagna.

Il Drone Europeo sarà un sistema aereo a pilotaggio remoto di nuova generazione dedicato a missioni di sorveglianza e difesa ISTAR (Intelligence, Surveillance, Target Acquisition and Reconnaissance – Intelligence, Sorveglianza, Acquisizione Obiettivi e Ricognizione). Obiettivi chiave del programma sono anche la certificazione e l’integrazione nel sistema del traffico aereo europeo, un ambiente caratterizzato da un’elevata densità.

Lo studio di definizione, che durerà due anni a partire da settembre 2016, sarà eseguito congiuntamente e con eguali quote di lavoro da Leonardo-Finmeccanica, Airbus e Dassault Aviation in qualità di co-contraenti.
L’inizio della fase di sviluppo del progetto è prevista per il 2018, il primo volo del prototipo nel 2023 e la prima consegna nel 2025.

I requisiti operativi delle Nazioni coinvolte nel programma saranno definiti in stretta collaborazione con le Forze Armate dei rispettivi Paesi.

“Il programma europeo Male RPAS è un’opportunità unica per promuovere la crescita di capacità tecnologiche, competenze e posti di lavoro altamente qualificati, di fondamentale importanza per l’Europa. Garantiremo alle Nazioni sovranità tecnologica e operativa basandoci sull’esperienza di decenni di cooperazione europea nell’ambito della difesa”, ha detto Filippo Bagnato, Capo della Divisione Velivoli di Leonardo-Finmeccanica.

Mauro Moretti (nella foto a lato), Amministratore Delegato e Direttore Generale di Leonardo- Finmeccanica, ha così commentato l’annuncio: “Si tratta di un traguardo importante per l’industria europea della difesa.

In un momento storico in cui l’Europa sta discutendo come affrontare il tema della sovranità ed autonomia tecnologica dei sistemi a pilotaggio remoto di nuova generazione, Leonardo- Finmeccanica è pronta a giocare un ruolo da protagonista. Abbiamo sviluppato tecnologie ed applicazioni in piattaforme e sensori. Anche grazie a questi nascerà una nuova generazione di sistemi aerei che consentiranno all’Europa di ridurre la crescente dipendenza da equipaggiamenti di produzione extra europei”.

“Raggruppare con successo Nazioni, Industrie e Ministeri della Difesa per migliorare la sovranità e l’indipendenza europea è una missione particolarmente importante e l’annuncio di oggi rappresenta una nuova pietra miliare di questa partnership”, ha detto Dirk Hoke (nell’immgine a fianco), Amministratore Delegato di Airbus Defence and Space.

“Questo programma di cooperazione contribuirà a garantire la leadership dell’industria europea e l’autonomia nel settore strategico dei droni da sorveglianza e fornirà alle Forze Armate sistemi operativi ad elevate prestazioni”, ha sottolineato Eric Trappier (nella foto sotto), Presidente e Amministratore Delegato di Dassault Aviation.

Precedentemente conosciuto come programma MALE 2020, il progetto europeo MALE RPAS prevede lo sviluppo di un sistema aereo non pilotato per missioni a lungo raggio a quote di volo medie. Oltre ad essere una risposta ai requisiti delle forze armate europee, il nuovo progetto terrà conto dell’esigenza di ottimizzare le risorse attraverso il finanziamento congiunto per ricerca e sviluppo. Con uno sviluppo completamente europeo, i requisiti critici per la certificazione e la sovranità delle operazioni da parte delle Forze Armate saranno parte del programma fin dall’inizio. Il programma European MALE RPAS è orientato a favorire lo sviluppo di alte tecnologie e contribuirà a sostenere competenze chiave e posti di lavoro in Europa.

Leonardo-Finmeccanica è tra le prime dieci società al mondo nell’Aerospazio, Difesa e Sicurezza e la principale azienda industriale italiana. Operativa da gennaio 2016 come one company organizzata in divisioni di business (Elicotteri; Velivoli; Aerostrutture; Sistemi Avionici e Spaziali; Elettronica per la Difesa Terrestre e Navale; Sistemi di Difesa; Sistemi per la Sicurezza e le Informazioni), LeonardoFinmeccanica compete sui più importanti mercati internazionali facendo leva sulle proprie aree di leadership tecnologica e di prodotto. Quotata alla Borsa di Milano (LDO), al 31 dicembre 2015 Finmeccanica ha registrato ricavi consolidati pari a 13 miliardi di euro e vanta una rilevante presenza industriale in Italia, Regno Unito e USA.

Airbus Defence and Space è una divisione del Gruppo Airbus numero uno in Europa per la Difesa e lo Spazio, la seconda più grande al mondo nel settore spaziale. Impiega oltre 38.000 dipendenti e nel 2015 ha generato ricavi pari ad oltre 13 miliardi di euro.

Dassault Aviation con oltre 8.000 aerei militari e civili consegnati ad oltre 90 paesi negli ultimi 60 anni, che hanno effettuato circa 28 milioni di ore in volo.

Dassault Aviation ha maturato una competenza riconosciuta nel mondo per la progettazione, sviluppo, vendita e supporto per tutti i tipi di velivoli, che vanno dal caccia Rafale, alla famiglia di Falcon di business jet commerciali fino ai droni militari.

Nel 2015 Dassault Aviation ha registrato ricavi pari  a 4,20 miliardi di euro ed impiega circa 12.000 dipendenti. Quest’anno ricorrono le celebrazioni del centenario di Dassault Aviation iniziato nel 1916 con Marcel Dassault e il motore Eclair.

Fonte: comunicato Leonardo-Finmeccanica

Foto: Leonardo, Dassault e Airbus

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password