OPERATIVO IL PRIMO EQUIPAGGIO SAR MALTESE

3148bbb7-30b8-4f5a-8cd6-646edc4f67c2dsc03338Medium

Si è concluso ieri, con l’esame in volo del Warrent Officer 1 Mark Cassar, il programma addestrativo siglato il 17 Marzo scorso tra il Comandante delle Armed Forces of Malta, Brigdiere Jeffery Curmi, e il Comandante della MICCD, Colonnello Luca Mariz.

Il programma si inserisce nel piano di rimodulazione della Missione Militare a Malta che vedrà nei prossimi due mesi il transito graduale e progressivo del Servizio di Ricerca e Soccorso (SAR) dalla Sezione SAR dell’Aeronautica Militare alle Forze Armate Maltesi (AFM).

L’Aeronautica Militare ha fornito il servizio SAR senza soluzione di continuità da luglio 1982, prima su AB204 e poi su AB212 con equipaggi misti italo maltesi, ora il servizio sarà svolto da personale maltese con AW139.

L’Accordo prevedeva il raggiungimento della piena capacità operativa consistente nella formazione di 3 equipaggi SAR, entro il 31 di Agosto seguendo un programma ad hoc redatto congiuntamente per soddisfare le specifiche necessità e realtà operative delle AFM.
In totale hanno conseguito la qualifica operativa SAR 6 piloti e 8 Aerosoccorritori. Si tratta dell’aliquota di personale navigante maltese più esperto, che vola su HH212A con equipaggio misto e che costituisce il primo nucleo di equipaggi con i quali le AFM assicureranno, in completa autonomia, il Servizio SAR con elicottero AW139.

E’ inoltre allo studio delle Parti un Addendum all’Accordo di Programma che preveda l’addestramento di un’ulteriore aliquota di personale navigante maltese, necessario ad aumentare il bacino di personale adibito al Servizio SAR su AW139.

La sezione S.A.R della Missione Italiana di Collaborazione nel Campo della Difesa (MICCD) effettua la propria attività con equipaggi misti italo-maltesi garantendo sull’isola di Malta un Servizio di Ricerca e Soccorso 24 ore al giorno con gli elicotteri HH212A dell’Aeronautica Militare Italiana, anche nelle più difficili condizioni meteorologiche.

Il governo maltese ha reso nota ieri la dispoonibilità ad accettare un piccolo gruppo di immigrati clandestini recuperati in mare dalla Marina Militare italiana.

(con fonte Stato Maggiore Difesa.it)

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password