L’India schiera aerostati russi e missili israeliani lungo il confine pakistano

spyder193fd52fwu2

L’esercito indiano potrebbe rafforzare il sistema di difesa aerea schierando lungo il confine con il Pakistan un rete composta da una serie di palloni aerostatici russi e batterie missilistiche israeliane; i radar early-warning EL/M-2083 e missili superficie-aria SPYDER (Surface-to-air PYthon and DERby) andrebbero a sostituire la vecchia rete formata dagli ormai obsoleti sistemi missilistici sovietici K33M3 “Osa-AKM” (SA-8B “Gecko Mod-1”) e ZRK-BD Strela 10 (SA-13 “Gopher”).

La notizia, diramata a inizio marzo dal portale di informazione russo Sputnik, precisa che la consegna degli aerostati e dei relativi radar installati a bordo dovrebbe iniziare entro qualche mese e che i sistemi missilistici, collegati alla rete attraverso un unico centro di comando, dovrebbero essere assegnati a sei basi aeree e ad un numero non precisato postazioni mobili di frontiera.

Grazie all’utilizzo dei palloni, il raggio d’azione operativo dei radar EL/M 2083 dovrebbe aumentare significativamente, facilitando la funzione Lock on Before Launch (LOBL) del missile SPYDER in versione SR (Short Range).

Sviluppato dalla Rafael Advanced Defense Systems e da Israel Aerospace Industries (IAI), lo SPYDER SR è un sistema missilistico composto da una piattaforma mobile di lancio per 4 missili Python-5 o Derby installata su autocarro 6×6, da una unità di Comando e Controllo equipaggiata con radar early-warning EL/M-2083, da un mezzo per il trasporto e l’approvvigionamento dei missili e da un mezzo di servizio.

I missili, che vengono guidati sul bersaglio da un sistema homing ad infrarossi e da un sistema electro-optical imaging (Python-5) o da un Active radar homing (Derby), volano ad una quota compresa tra 20 e 9mila metri e ad una velocità di Mach 4 con un raggio d’azione compreso tra 1 e 15 chilometri.

Il meccanismo di esplosione è assicurato da sistema laser attivo e da un detonatore elettromagnetico di prossimità o ad impatto. In supporto alla nuova rete di difesa aerea l’India sta, inoltre, schierando lungo il confine pakistano i missili Akash, sistema d’arma superficie-aria con raggio operativo di 25 chilometri e copertura di circa 360° che non garantisce però lo stesso tempo di reazione dello SPYDER. (IT log defence)

Foto: IAI

 

Eugenio Roscini VitaliVedi tutti gli articoli

Colonnello dell'Aeronautica Militare in congedo, ha conseguito un master di specializzazione in analisi di sistema e procedure all'Istituto Superiore di Telecomunicazioni. In ambito internazionale ha prestato servizio presso il Comando Forze Terrestri Alleate del Sud Europa, la 5^ Forza Aerea Tattica Alleata e il Comando NATO di AFSOUTH. Tra il 1995 e il 2003 ha preso parte alle Operazioni NATO nei Balcani (IFOR/SFOR/KFOR). Gestisce il sito ITlogDefence.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password