Germania e Canada donano equipaggiamenti militari al Niger

081ea0cf4e2b413f8a9011d5945838e3v1_max_720x405_b3535db83dc50e27c1bb1392364c95a2

L’Unione europea sostiene da tempo che per fermare i flussi di immigrati illegali sulle rotte che dal Sahel raggiungono le coste libiche occorre potenziare le forze militari dei paesi di quella regione e Berlino ha già varato un programma di equipaggiamento dell’esercito del Niger, paese che costituisce un vero proprio “hub” utilizzato dall’80% dei flussi di migranti verso la Libia.

La Germania ha infatti donato a Niamey 100 camion militari, 155 motociclette e 55 telefoni satellitari utili ad equipaggiare le pattuglie che controllano le piste desertiche a nord di Agadez ai confini libici in funzioni anti immigrazione, anti contrabbando e anti-terrorismo.

L’equipaggiamento è stato consegnato al ministro degli Interni, Mohammed Bazoum (che aveva più volte sollecitato un forte intervento italiano a sostegno del Niger), dal ministro della Difesa tedesco, Ursula von der Leyen (nella foto) in visita a Niamey a fine luglio.

Una recente intesa tra Germania e Francia prevede di rafforzare le dotazioni militari dei paesi del Sahel (Niger, Mali, Mauritania, Burkina Faso e Ciad) che hanno costituito una forza regionale il cui quartier generale è in costruzione a Niamey.

La Germania schiera mille militari in Malì mentre la Francia ne dispiega 4 mila nell’intera nell’ambiti della Operazione Barkhane.

Come riferisce Defebnceweb, al supporto delle forze nigerine contribuisce anche il Canada che donerà 1,2 milioni di proiettili per AK-47 (200 mila entro agosto e un milione entro dicembre)  e inviato istruttori per le forze di polizia locali che opereranno a Diffa, nel sud del Niger non lontano dal confine caldo con la Nigeria caratterizzato da frequenti sconfinamenti dei miliziani jihadisti di Boko Haram.

Foto Reuters

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password