Musulmani in Italia: il sondaggio di Ipr Marketing

img_5966_1130X565_90_C

da Quotidiano Nazionale del 19 settembre 2017

L’inchiesta sui musulmani d’Italia è stata realizzata per il Quotidiano Nazionale sulla base di un sondaggio esclusivo Ipr Marketing effettuato attraverso interviste ‘face to face’ a un campione di 500 immigrati residenti nel nostro Paese. I dati sono stati poi disaggregati per le categorie sesso, età e area di residenza in modo da poter essere rappresentativi dell’universo di riferimento. I questionari presi in considerazione sono relativi al periodo 8/15 settembre 2017.

Oggi in Italia non esiste un profilo standard dell’immigrato, ma il comportamento dei musulmani è fortemente condizionato dall’età. Si dividono, infatti, in due macro gruppi: gli over 54 sono oltranzisti, conservatori e non hanno intenzione di integrarsi. Nei più giovani, invece, la spinta verso l’Italia è un po’ diversa: circa la metà si sente integrata (45%) e l’altra metà si divide tra chi vuole integrarsi (ma non ci riesce) e chi proprio non vuole.

Due universi di riferimento complementari, decisioni generazionali: i giovani non sono apertissimi verso la cultura occidentale, ma risultano più incuriositi. Col crescere dell’età c’è una vera chiusura verso l’occidente. Sei immigrati su dieci si dichiarano non integrati (58%), ma il dato critico è che il 31% (un terzo del totale) non vuole integrarsi, mentre un ulteriore 28 per cento vorrebbe, ma non ci riesce. I motivi di queste difficoltà e ritrosie sono legati al lavoro e alla lingua, due temi spinosi per gli stranieri in Italia.

Il processo di inserimento nella nostra società è condizionato dall’età: i più giovani ci provano, i meno giovani no. Le porte dell’Italia verso altri immigrati sono chiuse da parte degli islamici: solo il 43% sostiene che l’Italia dovrebbe accogliere altri profughi, mentre il 33% è convinto che serve un freno. Quasi a confermare che gli immigrati percepiscono la loro posizione di difficoltà: «Se arrivano altri stranieri, per noi che già facciamo fatica è un problema ulteriore».

Nel Centro Italia vive gran parte della popolazione musulmana, lì si trova anche lo zoccolo più conservatore. La spiegazione? Si tratta di una zona vista come un paradiso ‘politico’ per gli immigrati, il Centro storicamente era il territorio più tollerante verso i nuovi arrivati. I più adulti comunque hanno un dna oltranzista e restano ancorati alla propria ideologia: si concentra, infatti, una sacca di musulmani ‘chiusi’.

Il luogo comune secondo cui gli immigrati nel Belpaese sono di passaggio viene abbattuto: chi è qui, vuole rimanere. Circa la metà pensa di restare per sempre (43%) e fra questi prevale la quota degli over 54, gli ‘ortodossi’ (80%). Solamente il 13% degli immigrati dichiara di essere di passaggio (andarsene entro 3 anni).

islamduomo_h_partb

Circa la metà dei musulmani è nel nostro Paese da più di 5 anni: se non si è già integrato, è difficile che possa farlo in futuro. Dall’altro lato, il giudizio sull’Italia è positivo: il 62% afferma di trovarsi bene nel nostro Paese. I più positivi risiedono al Sud, mentre al Centro molti (il 41%) dicono di trovarsi male. Un’altra criticità è il lavoro, vero problema dell’immigrazione, che genera difficoltà a integrarsi: chi non lavora, fa più fatica e ha meno voglia di essere parte di un progetto, di una cerchia sociale. Solo il 27% dei musulmani ha un lavoro stabile e il 24% dice di non lavorare: la disoccupazione in Italia è circa all’11%, all’interno del popolo degli immigrati raddoppia.

Se a questi si aggiunge il 33% che sostiene di non avere un lavoro stabile, la forbice di immigrati che non riesce a mantenersi con il proprio lavoro si allarga al 50-60%. E’ importante l’area di residenza, perché la professione degli immigrati rispecchia le problematiche dell’Italia: chi non ha un posto di lavoro stabile risiede maggiormente al Sud (57%), al Nord prevale la quota di chi ha un lavoro stabile (42%). Indicatore indiretto della volontà di integrazione è anche l’amicizia: uno su due (55%) dice di avere amici italiani ed è molto forte la risposta in relazione all’età.

Tra i giovani l’amicizia con italiani sale al 61%, mentre tra gli anziani arriva solo al 19%, a conferma di una sorta di chiusura di degli over 54. Anche il fatto di avere amici italiani prevale per immigrati al Sud, rispetto al Centro. IL 64% degli immigrati svolge la propria vita sociale nella comunità islamica: il 92% degli over 54 dice di avere relazioni solo nel proprio clan, quota che scende al 73% tra i 35-54enni e cala a chi ha fino a 34 anni.

I più giovani cercano relazioni fuori dalla comunità, i più adulti sono bloccati. Rispetto alla lingua italiana, altra importante criticità, uno su due afferma di conoscerla bene (47%): gli anziani sono ancora indietro nella classifica (23%). Il 38% sostiene che un suo figlio dovrebbe sposare solo una persona musulmana, quota non maggioritaria ma importante. Significa che quattro su 10 sono chiusi verso altre religioni: si trovano più al Nord (40%) che al Sud (12%).

Circa la questione femminile il sondaggio fotografa posizioni rigide ispirate dalla religione che condizionano i costumi e le abitudini. Per il 34% le donne islamiche devono portare il velo, percentuale che sale al 66% tra i più anziani mentre il 64% non condivide questa imposizione, percentuale che sale al 78% tra i giovani.

Il 57% è disposti ad accettare che sua figli studi e si laurei (64& tra i giovani) contro il 41% che lo considera inaccettabile (74% tra gli ultracinquantenni musulmani). Per il 51% degli intervistati è inaccettabile che la figlia si fidanzi con un ragazzo cattolico (82% tra i più anziani) mentre solo il 40% lo accetterebbe (52% tra i giovani). Il 24% per cento (54% tra gli anziani) è contrario al fatto che le donne possano guidare l’automobile ma a questa domanda ben il 12% non ha voluto rispondere.

http___i.huffpost.com_gen_2640112_images_n-COLOSSEO-628x314

Netto no (46% contro 40% più 14% astenuti) anche all’idea che “vostra figlia viaggi con amici”, ipotesi gradita solo ai giovani (57% di si) e alle donne (45%) mentre anche le discoteche devono essere off-limit per le figlie di musulmani secondo l 57% degli intervistati (70% tra gli adulti e 92% tra gli anziani).

Dati preoccupanti circa la presenza islamica in Italia giungono soprattutto dalle domande del sondaggio riguardanti terrorismo e jihadismo. Il 28% condivide le ragioni dei terroristi (il 58% tra gli anziani) anche se solo l’1% approva l’uso delle armi (ma l’8% non risponde) e il 64% condanna il terrorismo.

Il 33% degli intervistati crede che l’Islam debba conquistare tutto l’Occidente (47% tra gli over 50, il 31% tra i giovani e il 32% tra le donne): opzione respinta dal 37% mentre un nutritissimo 33% ha preferito non rispondere, percentuale che sale al 44% tra i giovani.

Il 38% ritiene che la politica debba essere guidata dalla religione (53% tra gli over 50), per il 43% i due aspetti dovrebbero restare separati e il 19% non risponde.

Foto Ansa e Stato Islamico

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password