Tre numeri che sfidano l’intelligence mondiale

tdrs_relay

di Eugenio Santagata* (Ceo di C4YGate) e Andrea Melegari (Chief Marketing&Innovation di CY4Gate)

 

Un milione, 50 miliardi e 137. Tre numeri per comprendere meglio la principale sfida tecnologica che i servizi di intelligence di tutto il mondo dovranno affrontare nei prossimi anni.

Se fino a qualche anno fa gli investimenti tecnologici delle agencies erano principalmente finalizzati all’acquisizione di sensori per massimizzare la raccolta dei dati (la cosiddetta collection): il prossimo scenario sarà invece orientato a garantire un’effettiva e sostenibile capacità di trattare questi enormi silos di dati, ovvero elaborarli (processing) ed analizzarli (analysis), anche in ottica predittiva.

Secondo Robert Cardillo (nella foto sotto), direttore dell’americana National Geospatial Agency (NGA), entro i prossimi cinque anni il volume di dati che la sua organizzazione dovrà analizzare sarà di 1 milione di volte superiore a quello attuale. In pratica, per ogni dato che la NGA analizza oggi, ne avrà ogni anno 15-16 volte di più.

635706657376179197-19062948816-4bead9376d-h

Il trend di lungo termine viene tradotto da Cardillo con un altro numero, otto milioni, ovvero il numero di analisti di cui la sola NGA dovrebbe – in teoria – dotarsi da qui a vent’anni per “trattare manualmente” le sole immagini provenienti dalle dozzine di satelliti commerciali, ora in grado di fornire immagini di qualità paragonabile ai satelliti spia governativi.

L’analisi delle immagini, però, rappresenta in valore assoluto solo una quota parziale del gigantesco mare dei dati di interesse della intelligence.

L’attenzione è rivolta ai social media che non hanno attualmente rivali in termini di velocità e volume di crescita; basti pensare che il solo Facebook registra cinquecentomila nuovi post ogni minuto.  Sono numeri incredibili ma che rappresentano ancora solo una piccola parte di quelli che produrrà il cosiddetto Internet of Things.

Entro il 2020 avremo oltre 50 miliardi di apparati (computer, autovetture, televisori, frigoriferi, cellulari, …) collegati alla rete. Mediamente, ogni abitante del mondo avrà sette sensori, che scambieranno dati (talvolta molto preziosi ai fini dell’attività di intelligence) con altri sensori, generando un volume d’informazioni di alcune migliaia di volte superiore a quello attuale.

Principal-SIGINT-and-OPIR-antennas-from-northeast

Inopportuno ignorare i vantaggi derivanti dall’avere a disposizione questi dati. Impossibile trattare tutti questi dati manualmente. Insostenibile reclutare, formare e retribuire decine di milioni di analisti d’intelligence. Pericoloso ignorare la tendenza.

E sulla base di queste convinzioni che, finalmente, si arriva all’ultimo numero della premessa: 137.  Dawn Meyerriecks, il vice direttore dello sviluppo tecnologico della Central Intelligence Agency (CIA), ha detto che al momento la sua organizzazione sta portando avanti 137 differenti progetti di impiego delle tecnologie di intelligenza artificiale – la maggioranza dei quali con aziende IT della Silicon Valley.

È partita, in altre parole, la costruzione di un completo ecosistema di università e imprese, fondamentale per garantire agli Stati Uniti il dominio economico, ma soprattutto la supremazia militare. Un’iniziativa che, purtroppo, non trova uguale riscontro nelle politiche strategiche nazionali e comunitarie.

Foto: NGA, NASA e Nautilus Institute

 

*Eugenio Santagata ha ricoperto diversi ruoli operativi come ufficiale nelle operazioni militari e ha dato il via a diverse iniziative nel campo dell’hi-tech da quando è entrato nel settore privato. È ceo di CY4Gate e il Vice Direttore Generale di Elettronica. Ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l’Università di Napoli, in Scienze Politiche dell’Università di Torino, un MBA alla London Business School e una LL.M alla Hamline University Law School. Parla inglese, francese, russo e spagnolo.

 

 

Andrea MelegariVedi tutti gli articoli

Laureato in Informatica presso l’Università di Modena, ha maturato grande esperienza nel realizzare e coordinare progetti molto complessi che impiegano la tecnologia semantica a supporto del processo di Intelligence. Ha insegnato per oltre 10 anni all'Accademia Militare di Modena. E' Senior Executive Vice President, Defense, Intelligence & Security di Expert System di cui ha guidato per 12 anni l’Intelligence Division. E' stato uno dei promotori della joint venture con Elettronica che ha portato alla nascita di CY4Gate, nuovo player globale nel settore Cyber Electronic Warfare & Intelligence, di cui è Chief Marketing & Innovation Officer. Attualmente è membro del CdA di Expert System, CY4Gate e Expert System USA.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password