Mosca regala cargo Antonov An-26 a Nicaragua e Serbia

3_An-26_elnuevodiario.com.ni (002)

La Federazione russa ha donato alla Repubblica del Nicaragua due aerei da trasporto Antonov An-26 (Codice NATO “Curl”) che sono stati ufficialmente trasferiti alla forza aerea del Nicaragua durante una cerimonia avvenuta lo scorso 23 febbraio presso l’aeroporto internazionale Augusto C. Sandino di Managua, alla presenza del Comandante dell’Aviazione Navale della Marina russa Igor Kozhin (flotta da cui sono provenienti gli aerei in questione) e del Generale Julio César Avilés, capo dell’esercito del Nicaragua.

I due An-26 saranno utilizzati dalla Forza Aerea del paese centro americano in compiti di trasporto nonché per operazioni SAR (ricerca e salvataggio).

L’An-26 versione militare dell’An-24, è un bimotore turboelica da trasporto leggero ad ala dritta realizzato in 1403 esemplari dall’OKB Antonov dal 1969 al 1986, in piena epoca sovietica; è dotato di una rampa di carico idoneo al trasporto passeggeri (fino a 40 soldati equipaggiati) o in alternativa al trasporto merci (fino a sei tonnellate di carico), o ancora al carico di un massimo di 24 barelle mediche nell’ambito di operazioni MedEvac.

Nonostante la sua evidente età progettuale si tratta di un velivolo ancora in servizio in numerosi paesi asiatici, africani e caraibici e i due An-26 donati da Mosca si uniranno ai tre esemplari già in servizio con la Forza Aerea di Managua.

3_serbia_an-26_Onnis Gian_Luca (002)

E sempre a proposito di Antonov An-26, anche la Serbia sarà oggetto di donazione da parte di Mosca relativamente a due esemplari dello stesso tipo.

A rivelarlo lo scorso 19 marzo è stato il ministro della Difesa Aleksandar Vulin durante una visita ufficiale presso la base aerea di Batajnica dove attualmente sono in corso i lavori di manutenzione e aggiornamento dei MiG-29 donati l’anno scorso dalla Russia.

Secondo Vulin questa donazione è dovuta all’accordo tecnico-militare raggiunto tra i due paesi, un ulteriore segno tangibile dell’amicizia e della collaborazione tra i due Paesi da sempre storicamente alleati.

Per inciso lo stesso Vulin era presente alla base di Batajnica al fine di partecipare alla cerimonia della consegna ufficiale di sei nuovi addestratori basici Utva Lasta 95 (realizzati dalla serba Utva Aviation Industry di Pančevo) in carico al 252° Squadrone di addestramento; unità di volo che riceverà ulteriori otto Lasta 95 entro la fine dell’anno in corso.

Foto El Nuevo Diario e GianLuca Omnis/Planetspotters.net

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password