GIA’ OPERATIVO IL CONTINGENTE ITALIANO IN LIBIA

cover13

Il grosso del contingente militare italiano dell’Operazione Ippocrate ha raggiunto mercoledì il porto di Misurata dopo un viaggio che ha portato la LPD San Marco dalla base di La Spezia a Livorno, per l’imbarco dei paracadutisti, poi ad Augusta e infine nel porto libico.

L’avanguardia della missione italiana era però arrivata all’aeroporto di Misurata già a metà settembre con voli cargo C-130J che hanno trasportato una piccola aliquota di militari dell’Aeronautica, composta da una decina tra medici e infermieri con le tende e le strutture sanitarie per istituire un ospedale Role 1, più tecnici e logisti del 3° Stormo di Villafranca (Verona) e una piccola unità di paracadutisti del 186° reggimento Folgore per la sicurezza.

L’approntamento dell’ospedale Role 1 (di cui pubblichiamo le prime foto finora apparse in Italia), reso operativo all’aeroporto di Misurata domenica 18 settembre con un forte anticipo rispetto alle previsioni e solo 4 giorni dopo l’arrivo di uomini e materiali, garantisce la capacità di assicurare triage, pronto soccorso, stabilizzazione e 12 posti letto.

Il contingente può già inoltre assicurare l’evacuazione medica in Italia di eventuali feriti molto gravi impiegando il cargo tattico C-27J presente all’aeroporto di Misurata e componente integrante dell’Operazione Ippocrate.

L’attuale configurazione dell’ospedale Role 1 dell’Aeronautica Militare resterà operativa per almeno due o tre settimane per poi rientrare in Italia quando sarà completato l’allestimento dell’ospedale da campo dell’Esercito Role 2, più grande e completo oltre che dotato di 50 posti letto, le cui attrezzature sono state in parte sbarcate dalla nave San Marco che in queste ore sta rientrando a Salerno per completare il carico degli equipaggiamenti e mezzi necessari a completarlo.

L’ospedale italiano avrà tutte le specializzazioni richieste per la cura dei feriti della milizia della città libica nella battaglia di Sirte contro lo Stato Islamico.

Da quanto appreso da Analisi Difesa l’accoglienza ricevuta a Misurata dall’avanguardia del contingente italiano è stata molto calorosa sia da parte delle autorità sia da parte della popolazione come sembra confermare la visita di una scolaresca locale all’ospedale Role 1.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password