Roma, 3 lug. (askanews) - Sono oltre 36mila, tra morti e feriti, le vittime del terrorismo in Iraq nel 2014. Il bialncio di sangue, ad un anno dalla nascita dello Stato Islamico (Isis) autoproclamatosi il 29 giugno 2014, lo ha reso noto con un rapporto il ministero dei Diritti dell'Uomo iracheno. Oltre i morti e i feriti, il ministero ha censito anche altri danni provocati dalla furia distruttrice degli uomini del Califfato come la distruzione di ben 201 moschee e della fuga di circa mezzo milione di famiglie dalle province controllate dai Jihadisti: Ninive, al Anbar e Salhuddine.

"Il numero dei morti nel corso dell'anno scorso in tutte le province irachene ad eccezzione di Ninive, Salhuddine e al Anabr (quelle controllate dall'Isis, ndr) e la regione autonoma del Kurdistan è stato di 4722 persone uccise mentre quelle ferite sono state in 28.525", ha detto il ministero iracheno in un comunicato diffuso oggi. 

Pesante anche il bilancio delle vittime tra gli uomini dei media. Secondo i dati del ministero, dal 2013 al 2014 sono stati uccisi 406 giornalisti, "14 dei quali trucidati nel 2014". Tributo di sangue anche tra i magistrati che nel corso dell'anno appena passato hanno perso "sei giudici uccisi dai terroristi".

Nel rapporto del ministro viene censito anche il numero dei luoghi di culto musulmani distrutti dagli islamisti del Califfato; secondo i dati della Sovraintendenza sunnita dalla nascita dell'Isis a giugno ad oggi nelle zone controllate dagli uomini del Califfo Abu bakr al Baghdadi "sono stati colpiti 201 moschee". Ed infine stando ai dati del ministero della Migrazione, "nel 2014 sono state 493.990 le famiglie che sono fuggite dalle proprie province" a causa della violenza.
Analisi Sicurezza

Condannati 22 dei 330 foreign fighters bosniaci

La Bosnia-Erzegovina è al settimo posto al mondo per numero di combattenti dell’Isis in rapporto alla popolazione. Stando a un rapporto statunitense di cui hanno dato notizia i media a…

Leggi tutto
930668-bigthumbnail
Analisi Mondo

Bosnia: la Republika Srpska riafferma la sua identità

La semplice celebrazione della Giornata della Republika Srpska (9 gennaio) è stata sufficiente a scatenare polemiche infinite in tutta l’area balcanica, ma ad esacerbare ulteriormente la situazione è stata la…

Leggi tutto
isisinbosniaandherzegovinabalkansislamicstate
News

In Bosnia aumenta l’influenza islamica

di Nadira Sehovic – ANSA Sarajevo – Milioni di petrodollari provenienti da Paesi arabi vengono investiti negli ultimi tempi in Bosnia nel turismo, settore che ha registrato una crescita del…

Leggi tutto
imagesCA1LNEQL
Analisi Sicurezza

A Guantanamo restano 91 detenuti

ANSA – Il Pentagono ha annunciato il 21 gennaio che altri due detenuti sono stati trasferiti dal carcere di massima sicurezza di Guantanamo a Cuba verso l’Europa.  In particolare Tariq…

Leggi tutto
AnalisiDifesa-3
Enduring freedom

La propaganda dell'ISIS nei Balcani

Nota: per evitare ulteriore pubblicità alle realtà analizzate e inconvenienti ai lettori, al posto dei nomi completi dei siti jihadisti compariranno le abbreviazioni. Anche nei Balcani la propaganda dell’Islam radicale…

Leggi tutto
Par8169319_827841S0
Analisi Mondo

Bosnia e Macedonia nel mirino di jihadisti e UCK

Nelle ultime settimane i Balcani occidentali sono stati sconvolti da una serie di attacchi armati che hanno minato la stabilità, peraltro già precaria, dell’area, contribuendo a gettare dei dubbi sulla…

Leggi tutto
esclusivo
Enduring freedom

Le armi bosniache per Baghdad le prende il Califfo

Colpo di mano delle milizie dello Stato Islamico che si sono impossessate di ingenti quantitativi di armi e munizioni donate a Baghdad dalla Bosnia Erzegovina per combattere le milizie jihadiste….

Leggi tutto
untitled1
Enduring freedom

Anche Bosnia e Ungheria contro il Califfato

Askanews – La Bosnia, Paese europeo con una forte componente musulmana, ha fatto dono all’Iraq di 500 tonnellate di munizioni per sostenerlo nella guerra allo Stato islamico (IS). Lo ha…

Leggi tutto
491430
Analisi Italia Analisi Sicurezza

Califfato: la rete bosniaca recluta in Italia

  di Paolo Giovannelli da Redattore Sociale del 10 novembre 2014 Era il 1992 quando l’Europa abbandonò la Bosnia al suo destino, schiacciata nella guerra fra il nazionalismo serbo e…

Leggi tutto
IS0borci
Analisi Sicurezza

I campi d'addestramento bosniaci dell'IS

Mentre si moltiplicano le stime sugli occidentali attualmente schieratisi con lo Stato Islamico in Siria ed Iraq, dalla Bosnia giungono nuove informazioni sul sistema di reclutamento utilizzato per trovare e…

Leggi tutto

Pagina 1 di 2

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password