Leonardo e Hensoldt per offrire sistemi IFF Modo 5

HMS-Queen-Elizabeth-Masthead

Langkawi (Malesia) – 21 marzo 2017 – Leonardo ha firmato un accordo con Hensoldt (la ex Airbus DS Electronics and Border Security) per offrire sul mercato internazionale sistemi di identificazione (IFF – Identification Friend or Foe) Modo 5.

Nell’ambito del team “Skytale”, le due aziende sono già state preselezionate dal Ministero della Difesa britannico per l’aggiornamento di equipaggiamenti IFF su più di 400 piattaforme terrestri, marittime e aeree.

La tecnologia IFF consente di distinguere le forze alleate dalle potenziali minacce grazie all’invio di un segnale di interrogazione alle piattaforme non identificate e alla verifica delle risposte ricevute. Si tratta di un avanzato ed efficace sistema di password “challenge/response”. Garantire agli equipaggi il riconoscimenti degli alleati in modo affidabile è fondamentale per evitare incidenti causati dal cosiddetto fuoco amico.

Dal 2020 tutti gli equipaggiamenti militari dei Paesi NATO dovranno essere compatibili con lo standard Modo 5, che integra le più avanzate tecniche crittografiche per evitare il rischio di segnali ingannevoli da parte degli avversari.

Leonardo e Hensoldt possono offrire una gamma completa e integrata di prodotti e competenze per soddisfare qualsiasi esigenza del cliente e, in particolare, sono le uniche aziende al di fuori degli Stati Uniti a poter proporre sistemi di crittografia conformi allo standard del Ministero della Difesa statunitense denominato AIMS 04-900(A) Option B. L’offerta europea del team Skytale rappresenta quindi una soluzione pronta per essere utilizzata da una vasta gamma di clienti internazionali.

Il team Skytale offrirà la nuova soluzione a tutti quei Paesi, dall’Europa al Medio ed Estremo Oriente, che intendono aggiornare i loro sistemi con il nuovo standard Modo 5 per consentire l’interoperabilità con le Forze della NATO.

untitled

Nel corso dell’ultimo anno, Leonardo si è confermata leader internazionale nella tecnologia IFF, in particolare negli apparati compatibili con il Modo 5, come il trasponder IFF M428 e il dispositivo SIT2010 Crypto, e negli interrogatori per diversi tipi di piattaforma.

Nel Regno Unito Leonardo ha già consegnato sistemi IFF Modo 5 per la portaerei classe Queen Elizabeth della Marina e per l’Eurofighter Typhoon della Royal Air Force, mentre in Italia integrerà il sistema sull’elicottero NH90. La tecnologia IFF Modo 5 è, inoltre, a bordo del caccia Gripen E di Saab.

L’azienda ha poi di recente testato con successo la capacità “Modo 5 Reverse-IFF” sui velivoli Eurofighter Typhoon italiani e sta studiando i vantaggi di un sistema a scansione elettronica (E-Scan IFF) per i Typhoon di nuova generazione.

Foto UK MoD

Gianandrea GaianiVedi tutti gli articoli

Giornalista bolognese, laureato in Storia Contemporanea, dal 1988 si occupa di analisi storico-strategiche, studio dei conflitti e reportage dai teatri di guerra. Dal febbraio 2000 dirige Analisi Difesa. Ha collaborato o collabora con quotidiani e settimanali, università e istituti di formazione militari ed è opinionista per reti TV e radiofoniche. Ha scritto diversi libri tra cui "Iraq Afghanistan, guerre di pace italiane" e “Immigrazione, la grande farsa umanitaria”. Dall’agosto 2018 al settembre 2019 ha ricoperto l’incarico di Consigliere per le politiche di sicurezza del ministro dell’Interno.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password