PISA: IL MURO DELLA CASERMA “VETRINA” PER I VENDITORI ABUSIVI

DSCN1898

La posizione è “strategica” per intercettare il flusso di turisti che ogni giorno si recano a Piazza dei Miracoli, così i venditori abusivi africani non esitano a utilizzare il lato su via Roma della caserma “Vito Artale” di Pisa come “vetrina” o per meglio dire “espositore” della loro merce.

Certo da tempo nessuno si aspetta più che le istituzioni mandino le forze dell’ordine a perseguire immigrati clandestini e venditori abusivi di merce spesso contraffatta che hanno invaso le città d’Italia e d’Europa, dal momento che sono le stesse autorità nazionali a farli arrivare in Italia a ondate mandando a prenderli le navi della nostra Marina Militare.

Riusciamo però ancora a sorprenderci del fatto che non si  impedisca, a chi non abbia il permesso e in più svolga attività illegali, di utilizzare in modo indisturbato per il suo business il perimetro esterno di una caserma o di un edificio pubblico.

Addirittura ammucchiando cappellini e altre cianfrusaglie negli angoli del muro di cinta e sui gradini di quello che un tempo doveva essere l’ingresso della caserma, che oggi è su via Derna ma che su via Roma mantiene ancora in bella mostra le bandiere italiana ed europea.

A dire il vero gli stendardi sono sbiaditi, come mostrano le foto che illustrano questo articolo scattate il 3 settembre scorso, quasi a simboleggiare la profonda crisi in cui versano la Patria e l’Europa,

La vicenda non riguarda solo l’immagine e il decoro delle istituzioni ma dovrebbe forse avere risvolti anche sul piano della sicurezza, specie tenendo conto dell’allarme terrorismo (che certo coinvolge anche caserme e obiettivi militari) e del recente invio di paracadutisti in Libia.

Paradossale che in Piazza dei Miracoli, affollata di turisti, i militari della Folgore offrano con grande professionalità un contributo alla sicurezza nell’ambito dell’operazione Strade Sicure e a poche centinaia di metri di distanza venditori abusivi possano depositare e vendere merci di ogni tipo e senza alcun controllo utilizzando i muri esterni di una caserma e sotto le bandiere di Italia e Unione Europea.

A meno che quello che abbiamo visto a Pisa non sia frutto di una pianificata iniziativa nell’ambito dei programmi di impiego delle forze armate per favorire ” l’integrazione”  degli immigrati clandestini.

Dopo averli raccolti di fronte alle spiagge libiche con i mezzi navali e aver requisito caserme dismesse per ospitarli,  tocca ora aiutarli a sbarcare (illecitamente) il lunario trasformando in “suk” le mura e i gradini di caserme ancora in uso alle forze armate?

Gianandrea GaianiVedi tutti gli articoli

Giornalista bolognese, laureato in Storia Contemporanea, dal 1988 si occupa di analisi storico-strategiche, studio dei conflitti e reportage dai teatri di guerra. Dal febbraio 2000 dirige Analisi Difesa. Ha collaborato o collabora con quotidiani e settimanali, università e istituti di formazione militari ed è opinionista per reti TV e radiofoniche. Ha scritto diversi libri tra cui "Iraq Afghanistan, guerre di pace italiane" e “Immigrazione, la grande farsa umanitaria”. Dall’agosto 2018 al settembre 2019 ha ricoperto l’incarico di Consigliere per le politiche di sicurezza del ministro dell’Interno.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password