Consegnati i primi due Mil Mi-35M ordinati dal Mali

MI-35Mali

Sono due gli elicotteri d’attacco Mil Mi-35M (“Hind-E” per la NATO) forniti dalla Russia al Mali; a rivelarlo è stato Alexander Mikheev, CEO di Rosoboronexport: – “Abbiamo inviato alla Repubblica del Mali – ha dichiarato Alexander Mikheev – due elicotteri Mi-35M come espressamente richiesto dalla loro Difesa, ed essi hanno mostrato una estrema gratitudine non solo per aver soddisfatto la loro necessità ma anche per la qualità delle macchine ricevute. Sono fiducioso – ha proseguito Mikheev – che questi Mi-35 aiuteranno il paese africano nella protezione della propria sovranità ma anche a combattere la sfida principale di questo XXI secolo, ovvero il terrorismo.”

Dell’ordine maliano ne avevamo parlato lo scorso giugno tuttavia allora non era noto il numero degli esemplari ordinati né i tempi di consegna previsti dal contratto siglato in occasione del Salone AAD-2016 Africa Aerospace & Defence Expo; ora è praticamente certo che gli esemplari ordinati sarebbero in tutto quattro e che i successivi due Mi-35M verranno consegnati entro la fine del prossimo anno.

MI-35Mali_2

Il Mi-35M è una versione export aggiornata e radicalmente modificata del Mi-24VM la cui produzione ha avuto inizio nel 2005; è l’unico elicottero al mondo in grado di svolgere contemporaneamente una missione di trasporto truppe (fino a 8 soldati completamente equipaggiati) e di supporto aereo per le truppe terrestri o di attacco al suolo con armi aria-terra grazie ai suoi quattro punti di attacco (due per semiala) oltre al cannone GSh-23 da 23mm a doppia canna posto ai lati della fusoliera.

Tra le armi trasportabili citiamo i missili anticarro 9M120 Ataka (AT-9 Spiral-2 per la NATO) o 9M114 Shturm, razzi da 80 mm o 122 mm, fino ai missili aria-aria Igla-V.

Può ovviamente essere configurato nel trasporto di carichi in cabina (con un carico massimo di 1500 chilig) o mediante l’uso di un gancio esterno (in questo caso con un carico massimo di 2400 chili), o ancora per missioni MedEvac di evacuazione sanitaria. La sua versatilità è stata recentemente testata nei conflitti in Siria, in Iraq e in altri conflitti minori sparsi per il mondo.

Foto Rosoboronexport

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password