Stilicone, il vandalo che salvò Roma

Stilicone_web-500x500

Nel 395, con la morte di Teodosio il Grande, sembra ormai definitiva la frattura dell’impero romano: se sul trono di Costantinopoli siederà il primogenito Arcadio, nell’Occidente (appena recuperato con la battaglia del Frigido) sarà imperatore Onorio, di appena undici anni.

Proprio secondo la volontà di Teodosio, per Onorio sarà reggente Stilicone, membro acquisito della famiglia imperiale nonostante le origini vandale. Ed è proprio Stilicone a muovere le sorti dell’Occidente per oltre un decennio, nel momento determinante a cavallo tra IV e V secolo. Egli, uomo politico e generale, sarà coinvolto alternativamente in alcuni degli ultimi trionfi imperiali e in tragici rovesci dalle ripercussioni insostenibili. Attraverso la vicenda di un protagonista riscoperto alla luce di fonti di complicata interpretazione, l’autore presenta un quadro dove sono collocati con chiarezza alcuni elementi e figure chiave di una fase convulsa ma affascinante della fine dell’impero romano.

Insieme a Stilicone, il libro inquadra Onorio, Arcadio, Alarico, la corte di Ravenna e quella costantinopolitana, il cristianesimo nelle sue contrapposizioni interne e con i pagani, il senato geloso di privilegi, i barbari federati e le migrazioni incontrollabili: temi e protagonisti sono presentati in pagine di narrazione avvincente e ricerca storiografica rigorosa e competente.

 

Stilicone. Il vandalo che salvò Roma

Autore: Ian Hughes

Traduttore: Daniele Ballarini

Editore Libreria Editrice Goriziana

Collana: Le guerre, n. 108

Pagine: 403

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password