La morte di Genrich Novozhilov, “papà” del Candid

1_Novozhilov_kremlin.ru (002)

Lo scorso 28 aprile è venuto a mancare all’età di 94 anni uno dei più grandi ingegneri aeronautici sovietico-russi: l’ex progettista generale del bureau Ilyushin Genrich Novozhilov; due volte eroe del lavoro socialista, dottore in scienze tecniche, professore e accademico dell’Accademia delle scienze dell’U.R.S.S.

Noto in Russia per essere stato il creatore dell’Ilyushin Il-76 (nella foto sotto) e del liner Il-96, Genrikh Vasilievich Novozhilov nacque il 27 ottobre 1925 a Mosca da genitori entrambi militari.

Come ingegnere progettista partecipò attivamente alla realizzazione dell’aereo passeggeri Il-14 costruito in oltre 1300 esemplari e dei prototipi dell’aereo d’attacco al suolo Il-40, del bombardiere a reazione Il-46 oltre che nello sviluppo del prototipo del bombardiere Il-54 in qualità di ingegnere capo.

Ilyushin-Il-76-2

Dal 1964 ha lavorato come Capo designer e primo vice General designer di Sergey Ilyushin (a capo dell’omonimo bureau) e quando quest’ultimo si ritirò per motivi di salute Novozhilov ne prese il suo posto su nomina diretta del Consiglio dei ministri dell’URSS.

Fu sotto la sua guida che avvenne la creazione del più famoso tra gli aerei da trasporto militari (e da aviazione civile) Ilyushin Il-76 e delle numerose versione derivate quali IL-76MF, IL-76MD, IL-76K (progettato per l’addestramento dei cosmonauti nei famosi voli brevi in assenza di peso) e molte altre ancora.

Ma la lista dei progetti Ilyushin è davvero lunghissima dato che portano la firma di Novozhilov anche il primo wide-body sovietico Il-86 e la versione derivata da posto di comando volante Il-80, il wide-body russo a lungo raggio Il-96-300 e ancora, sempre con la sua partecipazione sono stati realizzati l’Il-96T cargo, l’Il-103, l’Il-114 e l’Il-114-100.

Nel dicembre del 2005, all’età di 80 anni, Genrik Novozhilov si dimise da capo della compagnia e dal 2006 divenne consigliere scientifico principale dell’OAO SV Ilyushin Aviation Complex.

In ciascuno di questi programmi per la creazione di nuovi velivoli, Genrikh Vasilievich Novozhilov mostrò un’attività altamente creativa del progettista, sviluppando progetti di aerei semplici, affidabili ed efficienti che garantivano un elevato livello di sicurezza del volo. Ha dato un grande contributo allo sviluppo della costruzione di velivoli mondiali, allo sviluppo della teoria e alla pratica della progettazione di aerei passeggeri e da trasporto, principalmente dal punto di vista della loro affidabilità e della grande capacità.

Non ultimo, fu uno degli iniziatori del Salone Internazionale dell’Aviazione e dello Spazio (MAKS) nella città di Zhukovsky vicino a Mosca.

Numerosa la lista di medaglie e decorazioni assegnate a Novozhilov che fu autore tra l’altro di numerosi articoli scientifici sulla scelta del layout aerodinamico dell’ala, dell’affidabilità della cellula, e negli ambiti di sicurezza aeronautica oltre a essere detentore di ben 130 invenzioni tecniche e innovazioni protette da brevetti.

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978 e laureato all'Università di Parma in Scienze della Comunicazione, ha collaborato dal 1998 con Rivista Aeronautica e occasionalmente con JP4 e Aerei nella Storia. Dal 2003 collabora con Analisi Difesa occupandosi di aeronautica e industria aerospaziale. Nel 2013 è ospite dell'Istituto Italiano di Cultura a Mosca per discutere la propria tesi di laurea dedicata a Roberto Bartini e per argomentare il libro di Giuseppe Ciampaglia che dalla stessa tesi trae numerosi spunti. Dall'aprile 2016 cura il canale Telegram "Aviazione russa - Analisi Difesa" integrando le notizie del sito con informazioni esclusive e contenuti extra provenienti dalla Russia e da altri paesi.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password