Fase finale per l’acquisizione di Piaggio Aerospace

150212_3001_e_3002_LR_Damascelli_36

 

 

C’è il riserbo più assoluto sul nome dell’investitore, ma Piaggio ha ormai definito il profilo della società più idonea a rilevare Piaggio Aero Industries e Piaggio Aviation, le due aziende che operano all’interno di Piaggio Aerospace. Secondo fonti di stampa, le trattative stanno entrando nella fase finale, con il campo degli acquirenti ristretto ad un unico offerente, quello che Piaggio ha definito il più idoneo a rilevare gli assets. Quattro i criteri che hanno influito nella scelta del compratore: qualità del piano industriale, visione a lungo termine, conservazione dei posti di lavoro e valore dell’offerta.

Rumors parlano di una cordata di imprenditori la cui maggioranza non sarebbe legata al settore aerospaziale, una soluzione che Piaggio comunque non ostacolerebbe per le ampie garanzie sul piano occupazionale offerte dal potenziale acquirente.

Originariamente la società con sede a Villanova d’Albenga aveva ricevuto 19 manifestazioni di interesse, un numero ridotto a cinque soggetti e quattro offerte non vincolanti presentate all’inizio del 2021 per le due società in amministrazione straordinaria che operano sotto il marchio Piaggio Aerospace.

Recentemente, Vincenzo Nicastro, commissario straordinario per la società entrata in amministrazione controllata alla fine del 2018, ha però ottenuto l’approvazione dal Ministero dello Sviluppo Economico italiano per trattare con un singolo potenziale investitore.

Si prevede che i negoziati dureranno circa un mese, con un’offerta finale “irrevocabile e vincolante” che dovrà, comunque, essere sottoposta ad una serie di revisioni e approvazioni governative, anche da parte del Ministero dello Sviluppo Economico.  Nonostante le difficoltà dovute alla pandemia, Piaggio ha continuato a costruire il proprio portafoglio ordini, con contratti per 14 nuovi Avanti EVO – l’ultimo ordinato a marzo dal il fondo americano Off The Chain Capital – e un programma di modernizzazione che coinvolge i sistemi di bordo di 19 P.180 delle Forze Armate italiane.

L’interesse per il gruppo e per il suo potenziale di crescita è sempre stato alto, lo dimostrano le manifestazioni di interesse presentate da tutto il mondo, in particolare dal Nord America, dall’Europa e dall’Estremo Oriente. (IT Log Defence)

 

Eugenio Roscini VitaliVedi tutti gli articoli

Colonnello dell'Aeronautica Militare in congedo, ha conseguito un master di specializzazione in analisi di sistema e procedure all'Istituto Superiore di Telecomunicazioni. In ambito internazionale ha prestato servizio presso il Comando Forze Terrestri Alleate del Sud Europa, la 5^ Forza Aerea Tattica Alleata e il Comando NATO di AFSOUTH. Tra il 1995 e il 2003 ha preso parte alle Operazioni NATO nei Balcani (IFOR/SFOR/KFOR). Gestisce il sito ITlogDefence.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password