Il Pentagono impone il vaccino per il Covid ai militari

191115-A-WX120-002-1

 

 

Con una nota del segretario alla Difesa Lloyd Austin (nella foto sotto), il Pentagono ha ordinato il 25 agosto che tutti i militari ricevano il vaccino contro il Covid-19. A riferirlo è il sito di notizie Axios. Sebbene Austin non abbia imposto delle date, ha incoraggiato tutti i responsabili delle truppe ad “imporre scadenze ambiziose per l’attuazione”.

Le forze armate dovranno riferire regolarmente sui progressi delle vaccinazioni, che potranno essere effettuate presso le loro basi o presso i vari comandi all’estero. “Dopo un’attenta consultazione con esperti medici e leadership militare, e con il sostegno del Presidente, ho stabilito che la vaccinazione obbligatoria contro la malattia del coronavirus… è necessaria per proteggere la Forza e difendere il popolo americano”, ha scritto Austin nel memorandum inviato alle truppe.

800

Il Pentagono all’inizio del mese aveva dichiarato che avrebbe reso i vaccini obbligatori entro il 15 settembre o appena fosse arrivata la piena approvazione di un vaccino da parte della Food and Drug Administration.

Secondo il Pentagono, più di 1 milione di soldati sono completamente vaccinati e altri 237.000 hanno ricevuto un’iniezione. Ma i servizi militari variano ampiamente nei loro tassi di vaccinazione.

La Marina ha affermato che oltre il 74% di tutti i marinai in servizio attivo e di riserva è stato vaccinato con almeno un’iniezione. L’Air Force ha reso noto che oltre il 65% del personale in servizio attivo e il 60% dei riservisti sono almeno parzialmente vaccinati, mentre per l’US Army il tasso di vaccinati sembra non superare il 50%.

Una volta che il vaccino è stato imposto, un rifiuto potrebbe costituire disobbedienza a un ordine e potrebbe essere punibile ai sensi del Codice uniforme di giustizia militare.

190411-F-UJ876-031

La guida L’Us Army prevede che se un militare “non rispetta l’ordine di ricevere una vaccinazione obbligatoria senza un’esenzione approvata, il suo comandante può intraprendere un’adeguata azione disciplinare”.

Funzionari militari interpellati dalla Associated Press, affermano che non hanno dati sul numero di truppe che hanno rifiutato altri vaccini obbligatori, come l’antrace, la varicella o i vaccini antinfluenzali negli ultimi dieci anni o più. E non sono stati in grado di fornire dettagli sulle punizioni ricevute dai membri del servizio a seguito del rifiuto.

I militari possono chiedere l’esenzione da qualsiasi vaccino, temporaneo o permanente, per una serie di motivi, tra cui problemi di salute o convinzioni religiose. I regolamenti dicono, ad esempio, che chiunque abbia avuto una grave reazione avversa al vaccino può essere esentato e coloro che sono incinta o hanno altre condizioni specifiche possono rimandare un colpo.

(con Fonte AP)

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password