Mali: piena capacità operativa per le forze italiane della Task Force Takuba

c4e3914e-5965-4956-8a8f-f51bc7ae84d6mali (2)Medium

Il 14 gennaio, con il sorvolo degli elicotteri, un CH-47F “Chinook” e tre AH-129D “Mangusta”, in formazione quartetto sulla Forward Operating Base (FOB) di Menaka in Mali, è stato sancito di fatto il raggiungimento della Full Operational Capability (FOC) da parte del contingente italiano schierato nel Sahel, nell’ambito dell’Operazione Barkhane, espressione di una coalizione internazionale a guida francese.

Sin da luglio 2021, quando è iniziato lo schieramento del contingente italiano, è stata avviata un’intensa attività addestrativa finalizzata a rafforzare e implementare l’interoperabilità con gli assetti della coalizione.

8b5d41a1-1b6c-4879-91ae-8c9b16d598aemali (4)Medium

Circa 200 militari italiani opereranno all’interno della TF Takuba, garantendo capacità di evacuazione medica del personale della coalizione in operazione mediante l’impiego dei 3 velivoli da trasporto CH 47 F del 1° reggimento Aviazione dellEsercito, in configurazione medevac che si avvarranno della necessaria cornice di sicurezza assicurata dai 3 elicotteri da esplorazione e scorta AH – 129D “Mangusta”, del 5° e 7° reggimento della Brigata Aeromobile dell’Esercito, inquadrati nella Task Force “Jacana” agli ordini del Col. Andrea Carbonaro, primo Comandante del contingente italiano in Mali.

La TF Jacana si avvale inoltre di squadre Fucilieri dell’Aria del 66° reggimento “Trieste” dell’Esercito (Brigata Aeromobile Friuli) che garantiranno la sicurezza dei CH 47F da bordo dei velivoli.

 

15ad8ff0-0295-4923-9cf5-ccb724382783mali (1)Medium

Il contributo italiano si completa con la disponibilità di un assetto sanitario di capacità pre-ospedaliera di tipo Role 1, con un team che assicurerà il supporto medico a tutto il personale della coalizione e con la presenza del National Support Element.

La situazione in Mali resta tesa dopo l’intervento, su invito del governo maliano, di consiglieri militari russi e contractors del Gruppo Wagner (in tutti forse un  migliaio di uomini).

Gli accordi tra Bamako e Mosca hanno indotto i francesi a ridurre la presenza in Malì e la Svezia a ritirarsi dalla Task Force Takuba.

(con fonte e foto Stato Maggiore Difesa)

 

Leggi anche:

 

Mali: il “cordone sanitario” di Macron e il battesimo del fuoco del Gruppo Wagner

 

I contractors del Gruppo Wagner contro i jihadisti in Mali: l’Europa risponde con le sanzioni

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password