Il pattugliatore Comandante Foscari nel Golfo di Guinea

20

 

 

Il Pattugliatore d’Altura Comandante Foscari, dopo aver mollato gli ormeggi dalla Base Navale di Augusta lo scorso 7 gennaio, è entrata a far parte dell’Operazione Gabinia finalizzata a prevenire e contrastare il fenomeno della pirateria nel Golfo di Guinea.

Il Golfo di Guinea è infatti uno dei mari del mondo più a rischio per gli attacchi di pirateria, ma allo stesso tempo di estrema rilevanza per il nostro Paese, per la sua stretta connessione con il Mediterraneo ed i forti interessi nazionali correlati. Il fenomeno della pirateria pregiudicando la libertà di navigazione, ostacola la catena produttiva e commerciale internazionale, andando a detrimento dell’economia globale.

22

La missione dell’unità sarà quella di tutelare gli interessi nazionali e internazionali proteggendo le vie di comunicazioni marittime e di continuare la cooperazione con le Marine militari dei paesi rivieraschi, per aumentare la reciproca conoscenza e fiducia in favore del miglioramento delle condizioni di sicurezza nelle acque della regione nella quale risiedono interessi strategici per il Paese.

L’equipaggio della Marina Militare continuerà inoltre a dare supporto a progetti di collaborazione dal significativo valore sociale e umanitario come quello la Fondazione Francesca Rava NPH Italia Onlus, trasportando apparecchiature sanitarie destinate agli ospedali africani.

23

L’apertura del teatro operativo  del Golfo di Guinea è stata decisa dall’autorità politica in base a comprovate esigenze di prevenzione e contrasto della pirateria marittima. Il Golfo di Guinea è infatti internazionalmente considerato molto pericoloso per numero di attacchi e incidenti di pirateria ai danni delle imbarcazioni e degli equipaggi in transito.

Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, con risoluzione n. 2039 del 2012, ha espresso profonda preoccupazione per la minaccia che la pirateria nel Golfo di Guinea rappresenta per la navigazione internazionale ed ha sollecitato gli stati ad adottare efficaci misure per contrastarla.

21

È emersa quindi la necessità dell’intervento della Marina Militare nel Golfo di Guinea, in quanto la maritime security rientra tra le sue competenze istituzionali: in particolare la vigilanza a tutela degli interessi nazionali e delle vie di comunicazione marittime al di là del limite esterno del mare territoriale, nonché la protezione degli equipaggi italiani da atti ostili e minacce terroristiche.

La “sicurezza marittima”, in un contesto geopolitico globalizzato, ha assunto valore strategico, in quanto elemento imprescindibile per la pace ed il benessere economico e sociale della comunità internazionale.

Fonte: comunicato Marina Militare

Leggi anche:

Gli attacchi dei pirati calano in Africa e aumentano in Asia

 

 

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password