I missili antiaerei del Califfo vengono dal Qatar

MANPADSuntitled

I miliziani dello stato Islamico impiegano missili antiaerei di fabbricazione cinese per abbattere gli elicotteri iracheni, armi fornite dal Qatar ai ribelli siriani.Le immagini rese pubbliche dal Califfato e diffuse dal Jane’s Defence Weekly  mostrano un miliziano dello Stato Islamico nella provincia irachena di Salah-al-Din sparare un missile antiaereo portatile cinese FN-6 contro un elicottero da combattimento MI-17 dell’esercito iracheno. Questi missili vennero forniti dal Qatar ai ribelli siriani per aiutarli a contrastare i jet e gli elicotteri delle forze di Damasco.

Non è chiaro a quali milizie siano stati forniti i missili ma è probabile che si tratti di quelle legate ai fratelli Musulmani (movimento sostenuto dal Qatar) le cui brigate sono confluite in gran parte nello Stato Islamico o nei qaedisti del Fronte al-Nusra come hanno fatto la gran parte delle unità combattenti dell’Esercito Siriano Libero.

Gli FN-6 hanno abbattuto in Siria elicotteri mI-8, aerei da trasporto e almeno un Mig-21 nel corso del 2013 (guarda i video) mentre negli ultimi mesi in Iraq hanno abbattuto elicotteri MI-17 multiruolo, MI-35 da attacco e Bell 407 scout. Il Jane’s sottolinea il mancato impiego o la scarsa efficacia delle contromisure presenti su alcuni elicotteri per difendersi dai missili a ricerca di calore.

Gli MI-35 di Baghdad, consegnati recentemente da Mosca, dispongono di un sistema di autodifesa Adron KT-01 AVE Adros con apparati di disturbo ed esche per ingannare i missili (flares).

Probabile però che i piloti iracheni non abbiano sufficiente addestramento per impiegare al meglio e con efficacia le dotazioni dei velivoli russi.

Alcune foto diffuse dal Ministero della Difesa di Baghdad mostrano gli elicotteri in volo seguendo le strade, procedura che facilita navigazione e orientamento ma rende molto più facile per i miliziani del Califfato organizzare trappole e imboscate impiegando artiglieria antiaerea a tiro rapido, lanciarazzi e missili portatili.  Da più parti, soprattutto  negli USA, venne lanciato l’allarme per queste forniture che rischiavano di “sfuggire di mano” equipaggiando gruppi terroristici.

Gli FN-6 non sono stati però gli unici sistemi missilistici antiaerei portatili forniti ai ribelli siriani che avrebbero ricevuto anche missili Stinger prodotti in Turchia e veicolati in Siria con il via libera della CIA. Armi in parte finite nelle mani dello Stato Islamico.

Foto AFP, Stato Islamico

 

 

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password