Altri Rafale per l’Egitto ma solo con i missili Scalp

Egyptian_Rafales_400x300

L’Egitto potrebbe acquisire ulteriori caccia da combattimento Dassault Rafale dalla Francia dopo che sono stati risolti i problemi relativi all’esportazione dei missili da crociera MBDA Scalp/Storm Shadow.

Lo ha scritto il giornale economico francese La Tribune, che ha riferito che il presidente francese Emmanual Macron ha affrontato la questione durante la sua visita negli Stati Uniti in aprile.

Qatar_Emiri_Air_Force_To_Get_The_Full_Range_of_MBDA_Missiles_for_its_24_Rafales_640_001

Il quotidiano riferisce che sono state concesse licenze per esportare componenti made in Usa utilizzati nei missili da crociera chiesti dall’’Egitto mentre la Francia è anche in procinto di trovare componenti alternativi a quelli di costruzione statunitense e che quindi sarebbero privi di ITAR (International Traffic in Arms Regulations, il sistema con cui gli USA limitano l’export degli alleati di armi ed di equipaggiamenti  contenenti componenti e tecnologie made in Usa).

L’Egitto starebbe negoziando l’acquisto di altri 12 Rafales dopo la dozzina già consegnati ma l’adozione del missile da crociera di MBDA è considerata prioritaria dalle forze aeree del Cairo per esercitare l’opzione.

Qatar_Emiri_Air_Force_To_Get_The_Full_Range_of_MBDA_Missiles_for_its_24_Rafales_640_002

Nel febbraio scorso è emerso che un piano per l’acquisizione de 12 Rafales si era arenato dopo che gli Stati Uniti si erano rifiutati di vendere componenti chiave per il missile MBDA Scalp/Storm Shadow già imbarcato sui Rafale venduti alle forze aree del Qatar, sui Tornado sauditi e, da tempo, sui Mirage 2000 degli Emirati Arabi Uniti, dove il missile è noto come Black Saheen.

Protagonisti delle operazioni in Iraq (2003), in Libia nel 2011, del conflitto in Yemen e dell’incursione sulla Siria condotta nell’aprile scorso da Usa, Gran Bretagna e Francia, i missili da crociera Scalp/Storm Shadow sono stati impiegati in combattimento dalle furze aeree britanniche, francesi, italiane, saudite e degli Emirati Arabi Uniti.

La Tribune aggiunge che il nuovo ministro della difesa egiziano Mohamed Ahmed Zaki Mohamed ha visitato la Francia all’inizio di questo mese esprimendo interesse per l’acquisto di 30 velivoli teleguidati Patroller ed elicotteri Cougar per la marina. L’Egitto è  anche interessato all’acquisizione di altre due corvette Gowind ma a quanto pare le trattative sono bloccate sul prezzo.

Foto Dassault e MBDA

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password