Il rischio pirateria al largo dell’Africa Occidentale rimane alto

Exif_JPEG_PICTURE

La pirateria rimane a livelli elevati nelle acque dell’Africa occidentale, con 97 incidenti registrati nel 2017, tra cui un aumento dei rapimenti di successo rispetto all’anno precedente.

Questo secondo Oceans Beyond Piracy (OBP), l’organizzazione che nel suo rapporto The State of Maritime Piracy 2017 ha riferito che ci sono stati più rapimenti in Africa occidentale, con più marittimi tenuti prigionieri per più di un giorno (90 marinai contro 56 nel 2016.) Nel complesso, le acque del Golfo di Guinea rimangono un pericoloso focolaio di attività dei pirati, ha detto l’organizzazione.

Tra gli incidenti nel 2017, uno ha coinvolto il dirottamento della nave per il furto di merci, sette sono stati motivati da furti, vi sono state otto rapine a mano armata e 21 casi in cui si sono verificati rapimenti. Dati a cui aggiungere 8 segnalazioni di attività sospette e 42 tentativi di assalto pirata falliti. La maggior parte delle vittime erano petroliere e navi portarinfuse, in alcuni casi all’ancora..

La stragrande maggioranza degli attacchi sono avvenuti al largo del Delta del Niger. Nessun attacco è stato registrato a sud dell’Equatore. In quella che potrebbe essere una nuova tendenza, una serie di attacchi ha avuto luogo contro navi ancorate nei porti lungo la costa occidentale dell’Africa, dalla Sierra Leone a Capo Verde.

il rapporto sottolinea che “le flotte regionali hanno continuato a migliorare le loro capacità di applicazione attraverso l’acquisizione di nuove risorse navali, più esercitazioni multinazionali e l’ulteriore sviluppo dell’architettura di condivisione delle informazioni. Ciò si riflette in un aumento dei giorni di perlustrazione registrati per le flotte regionali e un aumento del 27% del tasso di risposta agli attacchi da parte delle agenzie marittime.

“In un solo incidente le forze navali arrivarono sulla scena in tempo per impedire agli attaccanti di allontanarsi con ostaggi o merci. Questo è stato anche l’unico incidente a provocare l’arresto di aggressori nel 2017.

Ghana, Togo, Benin e Nigeria hanno stabilito “zone sicure” vicino ai porti principali. Si tratta di aree chiaramente delimitate in cui le navi possono ancorare in sicurezza o effettuare trasferimenti di merci da nave a nave. In Nigeria, le compagnie private forniscono le navi, la manutenzione, la logistica e svolgono tutte le attività di pianificazione e fatturazione dei clienti.

Le forze armate forniscono il personale di sicurezza e le armi. In Ghana, la Ports & Harbor Authority è responsabile della fornitura di pattuglie di sicurezza. Nel Benin e nel Togo, le marine sono responsabili delle pattuglie. Oceans Beyond Piracy stima che il funzionamento di questi servizi abbia avuto l’anno scorso un costo di 9,3 milioni di dollari.

Foto: AdvantFort

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password